Cronaca

Vaccini, Falcomatà ad Arcuri: "Stravagante l'idea di distribuire le dosi in base al Pil"

I sindaci metropolitani hanno incontrato in videoconferenza il commissario per discutere ed affrontare il Piano sulla distribuzione dei vaccini anti Coronavirus

Giuseppe Falcomatà in videoconferenza

"Nessuna considerazione alla stravagante idea di seguire i criteri del Pil regionale per la distribuzione dei vaccini, né gestire la nuova fase badando ai tempi di vaccinazione fin qui seguiti dalle singole Regioni".

Sono queste le richieste che il primo cittadino Giuseppe Falcomatà ha rivolto al commissario per l'emergenza sanitaria, Domenico Arcuri, invitato a prendere parte ad un confronto coi sindaci metropolitani per discutere ed affrontare il Piano sulla distribuzione dei vaccini anti Coronavirus.

In videoconferenza, Falcomatà si è detto pronto ad affrontare il nuovo corso perché "noi sindaci non ci siamo mai tirati indietro di fronte alle responsabilità. Purtroppo dai dati nazionali risulta come la Calabria sia l'ultima regione nello stato d'avanzamento delle vaccinazioni.

La mia preoccupazione, dunque, è che questa lentezza si possa ripercuotere sui calabresi. Non vorremmo trovarci, - continua Falcomatà - infatti, nella spiacevole situazione di dover rincorrere l'emergenza nell'emergenza come in una sorta di regionalismo differenziato anche sulla distribuzione delle risorse vaccinali".

Sul ruolo che attiene ai sindaci nella campagna d'immunizzazione al virus, Giuseppe Falcomatà ha sottolineato, in linea coi colleghi sindaci, come "dall'inizio della pandemia ed a maggior ragione in questa nuova fase delicata, noi non abbiamo mai fatto passi indietro".

"Saremo sempre in prima linea - ha spiegato - ma non vorremmo avere delle interdipendenza troppo strette con le Regioni che in alcuni casi hanno dimostrato di essere fin troppo lente". Il commissario Arcuri ha spiegato che, "conclusa la prima fase di somministrazione agli operatori sanitari, socio sanitari ed a quelli delle Rsa, la distribuzione dei vaccini avverrà in rapporto alla popolazione residente delle singole regioni".

Sulle lentezze, poi, ha spiegato: "Stiamo rafforzando il personale dedicato con l'invio di medici ed infermieri. La speranza, e soprattutto l'impegno, è che le regioni, anche la Calabria, si allineino ad un andamento più omogeneo della campagna vaccinale. Auspico che questo possa accadere con il personale che stiamo inviando".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini, Falcomatà ad Arcuri: "Stravagante l'idea di distribuire le dosi in base al Pil"

ReggioToday è in caricamento