rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Il provvedimento / Campo Calabro

Ingrosso ortofrutticolo, sequestrati beni per un milione di euro a una società di Campo Calabro

L'operazione delle Fiamme Gialle su delega della locale Procura della Repubblica diretta da Giovanni Bombardieri

La società attiva nel settore del commercio all’ingrosso di frutta e ortaggi era già stata dichiarata fallita nel 2019. Ma i controlli eseguiti dai militari del comando provinciale della guardia di Finanza di Reggio Calabria insieme a quelli di Villa San Giovanni, su delega della procura della Repubblica, diretta da Giovanni Bombardieri, hanno consentito di rilevare una serie di anomalie poste in essere dai soci e amministratori della stessa, adesso indagati, anteriormente alla dichiarazione di fallimento. 

Proprio per questo le fiamme gialle hanno dato esecuzione a un provvedimento emesso dal gip del tribunale di Reggio Calabria, che ha disposto l’applicazione della misura cautelare reale del sequestro di beni mobili e immobili, per un importo complessivo di circa 1.000.000 euro, nei confronti della società con sede a Campo Calabro, in provincia di Reggio Calabria, e dei suoi soci amministratori.

In particolare, con il provvedimento, l'autorità giudiziaria ha disposto - fatte salve le successive valutazioni in merito all’effettivo e definitivo accertamento delle responsabilità nelle ulteriori fasi del giudizio - il sequestro preventivo della società, nonché delle disponibilità finanziarie e dei beni mobili e immobili riconducibili alla stessa e ai suoi soci amministratori, per un valore complessivo pari a 999.686,00 euro, relativi a condotte delittuose afferenti reati tributari, fallimentari e di autoriciclaggio.

Le anomalie riscontrate

I militari hanno riscontrato "l’assenza di scritture contabili della fallita a far data dal 2010, - spiegano dal comando provinciale -  tale da non consentire la ricostruzione della situazione economico finanziaria della stessa, atteso che l’ultimo bilancio presentato era riferito all’anno di imposta 2010; la costituzione di una seconda società in continuità aziendale con la fallita, attesi medesima compagine sociale ed organo ammnistrativo, sede legale ed operativa nello stesso luogo, identico settore operativo e medesimi fornitori, il tutto in concomitanza con la conclusione di una verifica fiscale avviata dalla guardia di finanza nei confronti della fallita, che aveva accertato in capo a quest’ultima l’omesso versamento delle imposte sui redditi, dell’Iva e dell’Irap; l’esistenza di plurimi bonifici eseguiti dalla fallita in favore della società neo costituita, per il pagamento di forniture di merce risultate mai effettuate.

Al termine delle investigazioni svolte è emerso come l’operazione di costituzione della nuova società sia stata posta in essere con l’esclusivo intento di permettere alla stessa di incamerare il patrimonio attivo della società in decozione, attraverso operazioni di fornitura di merci esclusivamente fittizie e cartolari, al fine di sottrarlo a eventuali azioni esecutive da parte dell’Erario (atteso i rilevanti debiti tributari gravanti sulla fallita) e degli ulteriori creditori, condotta - quest’ultima - idonea a integrare il reato di bancarotta fraudolenta.

Tali operazioni permettevano, inoltre, alla società neo costituita di reimpiegare i capitali sottratti alle pretese dei creditori nell’attività svolta nel settore della commercializzazione di prodotti ortofrutticoli.

L’attività di servizio testimonia il costante presidio esercitato dalla guardia di finanza di Reggio Calabria sul territorio - nel solco delle puntuali indicazioni dell’autorità giudiziaria reggina - a salvaguardia delle leggi, della tutela dell’economia legale e della sicurezza economico-finanziaria del tessuto imprenditoriale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ingrosso ortofrutticolo, sequestrati beni per un milione di euro a una società di Campo Calabro

ReggioToday è in caricamento