Cronaca

Ragnatele sulle pareti e prodotti non tracciabili in vendita, chiuso panificio

Il decreto di sospensione e una sanzione da 1500 euro sono giunte al termine di una ispezione eseguita dai carabinieri del Nas in collaborazione con il personale dell'Asp

I Carabinieri del Nas durante l'ispezione

Ragnatele sulle pareti, un copertone di gomma dentro la cella frigorifera, prodotti in vendita senza tracciabilità e resti di alimenti dotati sulle attrezzature. Questo è quanto hanno accertato i carabinieri del Nas all’interno di un panificio di Reggio Calabria.

I militari, insieme al personale dell’Asp reggina, dopo mirati controlli, hanno sospeso l’attività di un panificio – gastronomia del centro cittadino per gravi carenze igienico sanitarie e per aver messo in vendita alimenti non tracciabili. 

Gli uomini dell'Arma hanno ispezionato il laboratorio ed il punto vendita, rinvenendo sulle attrezzature resti di alimenti molto datati nonché un copertone in gomma sulla cella frigorifera, inoltre, le pareti dei locali erano infestate da ragnatele.

"Continuato il controllo - spiegano dal Comando provinciale - si accertava  la messa in vendita di 30 chilogrammi di prodotti, quali pizze e brioche, privi di tracciabilità e per tanto sottoposti a sequestro ed immediatamente distrutti". 

L’attività è stata immediatamente sospesa, in attesa del ripristino delle normali condizioni igienico-sanitarie, ed al titolare sono state elevate sanzioni per 1500 euro. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragnatele sulle pareti e prodotti non tracciabili in vendita, chiuso panificio

ReggioToday è in caricamento