Festa al Castello Aragonese, a Palazzo San Giorgio arrivano i carabinieri

La Procura ha avviato le indagini. Gli uomini dell'Arma hanno acquisito negli uffici comunali competenti l'intera documentazione relativa al diciottesimo dello "scandalo"

La festa al Castello

Sarà ricordato per il diciottesimo dello "scandalo", la festa di un giovane reggino che aveva deciso di festeggiare l'ingresso nell'età dei grandi sul terrazzo del Castello Aragonese. Sull'episodio, scoperto grazie al mondo social, che aveva scatenato l'indignazione di tutta la città, è arrivata l'azione della Procura che ha avviato le indagini per scoprire tutte le responsabilità del caso.

Secondo quando riporta il quotidiano Gazzetta del Sud, i carabinieri del comando provinciale, diretti dal colonnello Giuseppe Battaglia, hanno bussato a Palazzo San Giorgio. Negli uffici di competenza, che si occupano della gestione del Castello Aragonese, i militari hanno acquisito "tutti i dati presenti nel fascicolo per capire se ci siano responsabilità penali od omissioni e come sia stato possibile che nessuno dei funzionari e dei dirigenti si sia reso conto di quello che stava accadendo e se ci siano stati comportamenti di favore nei confronti dei richiedenti".

La vicenda della festa era immediatamente rimbalzata su Facebook dopo un video postato da alcuni giovani turisti che si erano recati al Castello per visitare l'antica fortezza reggina. Sul caso era intervenuto il primo cittadino che, disapprovando con fermezza l'accaduto, aveva avviato una verifica all'interno del Palazzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Successivamente il presidente di Alleanza Calabrese Enzo Vacalebre, dopo aver denunciato l'ormai noto caso dell'affidamento del Grande Albergo Miramare, ha deciso di rivolgersi nuovamente alla Procura per la festa al Castello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dentro la 'ndrangheta degli "invisibili" i boss "laureati" in contatto con le istituzioni

  • Fase 3, obbligo di registrazione per chi arriva in Calabria: nuova ordinanza della Santelli

  • Boom di guariti a Reggio, il Gom è Covid free: dimesso l'ultimo paziente e sesto giorno a 0 contagi

  • Covid e Fase 2, che cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno 2020: ecco tutte le novità

  • "Biciclette vietate sul lungomare Falcomatà", Zimbalatti: "Sanzioni per i trasgressori"

  • Offese sui social a Maria Antonietta Rositani, il padre Carlo annuncia una querela

Torna su
ReggioToday è in caricamento