rotate-mobile
"Cavallo di Troia" / Caulonia

'Ndrangheta, latitante arrestato a Caulonia: si nascondeva in un garage

L'uomo fermato dalla guardia di finanza è indiziato di concorso in associazione per delinquere di stampo mafioso e di reati di natura economica e tributaria. Il provvedimento rientra nell'operazione "Cavallo di Troia"

Militari della guardia di finanza di Torino, con il coordinamento della procura torinese, hanno arrestato un latitante di origine calabrese, che avrebbe interessi economici e imprenditoriali  in provincia di Torino. L'uomo, irreperibile dallo scorso dicembre e rintracciato nella notte nel garage di un casolare nelle campagne di Caulonia, in provincia di Reggio Calabria, è indiziato di concorso in associazione per delinquere di stampo mafioso e di reati di natura economica e tributaria.

L’attività è stata eseguita dai finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Reggio Calabria, con il supporto del Gruppo di Locri e della sezione aerea di Lamezia Terme, coadiuvati dai militari del reparto torinese che hanno condotto le indagini.

Il provvedimento, come riporta l'agenzia AdnKronos, rientra nell'operazione 'Cavallo di Troia' che nei mesi scorsi portato all'esecuzione di 8 misure cautelari nei confronti di altrettanti indagati, a vario titolo, per reati fiscali, fallimentari, aggravati dall'agevolazione mafiosa, e concorso nell'associazione mafiosa 'ndrangheta, con contestuali provvedimenti di sequestro per 2,5 milioni di euro. 

"In particolare, nel corso delle indagini sarebbero state individuate 3 società operanti nel settore edilizio, ritenute dagli investigatori  al servizio di una 'ndrina, radicata nel territorio di Carmagnola, nel torinese,  collegata a una cosca calabrese. Gli indagati, tra cui il latitante arrestato, risulterebbero aver gestito le imprese, anche tramite l'utilizzo di prestanome".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Ndrangheta, latitante arrestato a Caulonia: si nascondeva in un garage

ReggioToday è in caricamento