Sciopero dei lavoratori della giustizia: venerdì 28 giugno sit-in della Uilpa al Cedir

"Ad oggi - afferma il segretario Foti - la giustizia è in ginocchio e lo sciopero è l’unica lotta contro il gravissimo stato di degrado degli uffici giudiziari"

"Nonostante le rassicurazioni di questi ultimi anni, alle quali si sono susseguite le numerosissime azioni sindacali volte a garantire quei sacrosanti diritti più volte calpestati da un’amministrazione sorda ed incurante delle aspettative dei lavoratori, ad oggi un nulla di fatto è quello che rimane in mano ai dipendenti della giustizia".

Questo è quanto denuncia Patrizia Foti, segretario generale territoriale Uilpa di Reggio Calabria e segretario nazionale Uilpa giustizia. "Il 28 giugno, data in cui incroceranno le braccia tutti i dipendenti degli uffici giudiziari d’Italia - continua Foti - scade il termine per portare a compimento i contenuti dell’accordo del 27 aprile 2017, recepito dal decreto ministeriale del 15 novembre 2017 n.267, secondo i quali era prevista la riqualificazione giuridico/economica e professionale del personale".

"Ad oggi - prosegue Foti - la giustizia è in ginocchio e lo sciopero è l’unica lotta contro il gravissimo stato di degrado degli uffici giudiziari, la difesa dei diritti dei lavoratori e per la qualità del servizio pubblico che rischia la paralisi. A nulla sono valse le proteste e l’inasprimento della lotta sindacale, scaturita con numerosi stati di agitazione messi in atto in questi ultimi anni, incluso il fallito tentativo di conciliazione svoltosi a Roma lo scorso 30 maggio presso il ministero del lavoro ed a seguito del quale sono state elargite solo gratuite e sterili promesse".

Oltre alla mancata riqualificazione professionale dei lavoratori, afferma Foti "si aggiungono la mancata emanazione del bando di concorso per il passaggio di area degli ausiliari, il mancato scorrimento delle graduatorie dei cancellieri esperti e ufficiali giudiziari, la mancata attivazione delle stesse procedure per i contabili, assistenti informatici e assistenti linguistici. Ad aggravare le criticità sopra evidenziate, anche il degrado della struttura del Cedir che ospita il Tribunale, all’interno del quale, specialmente nel periodo estivo, le temperature raggiungono livelli a dir poco estenuanti e per i quali il personale è costretto a lavorare su una vera e propria graticola, a differenza della Procura, ospite nella stessa struttura, dove le criticità sono sensibilmente ridotte".

"Dalla riunione tenuta ieri 25 giugno presso la sala Falcone del Dicastero di via Arenula, sulla verifica dei piani triennali dei fabbisogni e della programmazione assunzionale – precisa il segretario Foti - che ha presenziato all’incontro  il quadro emerso è sconfortante e palesemente inadeguato alle attuali vacanze delle figure professionali".

"Sconcerto è stato dimostrato alla scandalosa ed inconcludente proposta dell’amministrazione che, nonostante le attuali carenze di circa 10.000 unità, alle quali si dovranno aggiungere le circa 5000 unità derivanti dai turn over e dal decreto “quota 100”, ha fatto orecchie da mercante, pensando di poter ancora sopravvivere con il semplice abbrivo. Proprio il mancato investimento degli ultimi anni in politiche assunzionali – denuncia Foti - ricade direttamente sulle lavoratrici e sui lavoratori del comparto giustizia che, con grande senso di responsabilità e difficoltà, continuano ad assicurare i compiti istituzionali nonostante il novero di competenze".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 28 giugno, a partire dalle 8,30 – conclude Foti – sarà portato in “piazza” lo sciopero con un sit-in all’interno del cortile del Cedir, per rivendicare GLI inalienabili diritti dei lavoratori della giustizia per i quali, il sindacato, è chiamato a lottare a fianco degli stessi, proprio per ridare dignità a tutti coloro che, giornalmente, sono costretti a fare i conti con difficoltà logistiche, strutturali e organizzative, oltre a quelle artefatte da un’amministrazione vix auditus".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si nascondevano in Germania per sfuggire alla legge, un reggino fra i due italiani estradati

  • "Mandamento jonico", l'ex sindaco di Roghudi Lorenzo Stelitano ritorna in libertà

  • Festa di Madonna, la processione non si farà: la Sacra Effigie sarà esposta in Cattedrale

  • Incendiata l'auto di un imprenditore, la solidarietà di Confindustria e Ance Reggio

  • Rocco Santo Filippone: il mediatore "un passo sotto Dio" nella gerarchia mafiosa

  • Trovato morto a Roma Rocco Panetta: il giovane gioiosano scomparso a giugno

Torna su
ReggioToday è in caricamento