Il centrodestra non accetta le critiche e chiede a Pippo Callipo un passo indietro

Minasi, Graziano, Pietropaolo, Arruzzolo, Vito Pitaro e Baldo Esposito all'unisono: "Non permetta che vengano aggiunti ulteriori ostacoli e polemiche al lavoro della massima assise calabrese"

L'aula consiliare di Palazzo Campanella

Callipo Pippo-5“La decisione di presentare le dimissioni resta sempre un atto personale e legittimo, ma contano anche e soprattutto le motivazioni che inducono a tale scelta”. I capigruppo della maggioranza in Consiglio regionale rispondono tono su tono alle esternazioni di Pippo Callipo (nella foto) che, nell’atto di dare l’addio all’undicesima legislatura regionale, aveva contestato il modus operanti di Palazzo Campanella.

Per Tilde Minasi, Giuseppe Graziano, Filippo Pietropaolo, Giovanni Arruzzolo, Vito Pitaro e Baldo Esposito: “Il fatto che il consigliere Pippo Callipo, il cui nome si collega ad una seria eccellenza della nostra terra, imputi questa sua determinazione al modus operandi di un Consiglio democraticamente eletto, come lui d'altronde, non è accettabile, in particolar modo se la volontà di lasciare il proprio scranno a palazzo Campanella debba concretizzarsi in un attacco gratuito, strumentale ed anche, da un certo punto di vista, provocatorio”.

“Esternare dissenso e motivarlo - si legge nella nota - rappresenta un pilastro imprescindibile nelle more del dibattito politico, ma determinate azioni veicolano il messaggio esattamente contrario. Non siamo assolutamente concordi con un atteggiamento che vorrebbe vederci causa prioritaria di questo congedo anticipato dell'ex candidato presidente, il quale svilisce persino il valore del voto di tutti i calabresi che lo scorso 26 gennaio hanno voluto accordargli fiducia”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il centrodestra, infine, rimanda le accuse al mittente chiedendo, però, a Callipo di ritornare sui suoi passi: “Non ci sentiamo, non ci sentiremo, non siamo e non saremo il capro espiatorio di una situazione che rasenta l'assurdo. Ecco perché auspichiamo che il consigliere Callipo rimetta la sua decisione, tornando indietro su quanto dichiarato e non permetta così che vengano aggiunti ulteriori ostacoli e polemiche al lavoro della massima assise calabrese, permettendo a tutti di impegnarci in maniera serena e propositiva”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si nascondevano in Germania per sfuggire alla legge, un reggino fra i due italiani estradati

  • "Mandamento jonico", l'ex sindaco di Roghudi Lorenzo Stelitano ritorna in libertà

  • Festa di Madonna, la processione non si farà: la Sacra Effigie sarà esposta in Cattedrale

  • Incendiata l'auto di un imprenditore, la solidarietà di Confindustria e Ance Reggio

  • Trovato morto a Roma Rocco Panetta: il giovane gioiosano scomparso a giugno

  • Incidente rotatoria per Motta SG, auto "vola" e sbatte contro un muro: ferito il conducente

Torna su
ReggioToday è in caricamento