rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Eccellenze reggine

Cibus 2022, le aziende reggine conquistano Parma

La Città metropolitana al fianco del tessuto produttivo locale che ha fatto registrare numeri importanti alla prestigiosa manifestazione dedicata all’agroalimentare italiano e food business

Sono risultati che vanno oltre ogni aspettativa quelli conseguiti dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria a Parma in occasione di Cibus 2022, la prestigiosa manifestazione dedicata all’agroalimentare italiano e al food business a cui hanno preso parte anche 10 aziende del territorio metropolitano. 

Un successo certificato dai numeri che la stessa Metrocity ha rilevato al termine dell’importante kermesse in cui le aziende presenti hanno realizzato circa 200 incontri B2B, numero che non tiene conto di ulteriori contatti non ancora definiti e che potranno essere sviluppati nei prossimi mesi grazie alla presenza delle stesse imprese per i prossimi 12 mesi sulla piattaforma di riferimento “My business Cibus”.

Eccezionale anche il dato riguardante l'apertura ai mercati internazionali. Sono infatti ben 26 i Paesi esteri di provenienza dei buyer, con le significative presenze di operatori legati a mercati caratterizzati da ampia capacità di spesa come USA, Canada, Regno Unito, Giappone, Corea, Emirati Arabi, Arabia Saudita. Ma anche mercati potenzialmente interessanti come Finlandia, Svezia e Polonia, nonché da Paesi emergenti come Kazakistan, Lituania e Perù. La possibilità che è stata offerta dalla Città Metropolitana alle aziende partecipanti di sfruttare con largo anticipo la piattaforma della manifestazione per la gestione dell'agenda di appuntamenti, ha dunque agevolato l'attenzione che i mercati internazionali hanno riservato ai prodotti del territorio reggino.

Molteplici, inoltre, i canali di distribuzione (Horeca, Retail e Gdo) degli operatori che hanno avuto incontri B2B con le aziende metropolitane e ciò consente alle imprese di avere a disposizione un ampio ventaglio di opportunità di business a differenti livelli.

L’edizione 2022 di Cibus, organizzata da Fiere di Parma e Federalimentare, ha superato le attese, tornando a numeri pre-pandemia con la presenza di circa 60.000 operatori. Grande l'interesse verso prodotti poco conosciuti a livello internazionale e fortemente legati alla tradizione dei territori. Si tratta di una domanda in forte e stabile crescita da oltre 10 anni. L'eccezionale riscontro della manifestazione ha portato gli organizzatori a calendarizzare Cibus anche nel 2023 (dal 29 al 30 marzo) per consentire di visitare e conoscere da vicino le imprese che rendono celebre l'agroalimentare italiano.

In questa direzione, il prossimo passo per la Città Metropolitana, visti i primi dati pervenuti direttamente dalle aziende partecipanti, sarà, spiegano da Palazzo Alvaro "un ulteriore e specifico approfondimento per valutare quali siano i mercati potenzialmente più interessanti verso cui orientare eventuali iniziative mirate per il sostegno alle produzioni del territorio metropolitano reggino".

Il percorso di internazionalizzazione delle imprese, sostenuto dalla Città Metropolitana, trova dunque "nella partecipazione a Cibus 2022 un riscontro importante con numeri significativi che certificano la qualità delle iniziative intraprese per sostenere il comparto agroalimentare locale. La presenza costante nelle fiere di settore, la riconoscibilità dei prodotti del territorio e una partecipazione sempre più strutturata e organizzata a vetrine di altissimo profilo, sta sostenendo il processo di creazione di un circuito di promo-commercializzazione e di opportunità di business per le aziende che oggi costituisce una solida base per una crescita economica orientata, su cui continuare ad investire in modo sempre più consapevole".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cibus 2022, le aziende reggine conquistano Parma

ReggioToday è in caricamento