rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Il gesto

Insieme per il reparto di pediatria: presentato il concerto Christus Vincit II

Il sindaco Falcomatà: "Invito la cittadinanza a prendere parte a uno spettacolo di spessore artistico e di contribuire a una causa sociale molto importante". Il concerto sarà diretto dal maestro monsignor Frisina

Il sindaco metropolitano, Giuseppe Falcomatà, è intervenuto alla conferenza stampa di presentazione del concerto di beneficenza Christus Vincit II che, il prossimo 3 giugno, si terrà al teatro Francesco Cilea con l’esecuzione di brani sacri da parte del Chorus inside Calabria, diretto, per l’occasione, dal maestro monsignor Marco Frisina.

L’evento, che punta a bissare il successo dell’ultima edizione rivolta all’Hospice Via delle Stelle, è organizzato dal Chorus Christi per raccogliere fondi da destinare al reparto di pediatria del Grande ospedale metropolitano.

Nella sala Trisolini di palazzo Alvaro, insieme, fra gli altri, a don Giovanni Gattuso, parroco della di San Nicola e Santa Maria della neve Riparo-Prumo-Cannavò, presidente del circolo Oratorio Sant’Agata e presidente onorario del Chorus Christi, ad Antonino Ripepi, direttore del Chorus Christi, a Salvatore Costarella, direttore sanitario del Gom, a Lorenzo Festicini, presidente dell’Istituto nazionale azzurro, il sindaco Falcomatà ha rivolto un appello per "la più ampia partecipazione possibile".

"E’ un’iniziativa bellissima dall’alta valenza sociale e culturale – ha detto Falcomatà - che supportiamo come Comune e Città metropolitana. Tutta la cittadinanza dovrebbe prendervi parte perché si avrà la possibilità di assistere a uno spettacolo di grandissimo spessore artistico e di contribuire a una causa sociale molto importante".

"Il mio ringraziamento – ha aggiunto il sindaco – va ai coristi che non sono contanti professionisti, ma cittadini comuni che dedicano parte del loro tempo libero a un’attività che fa onore, ancora una volta, alle associazioni che rappresentano il vero cuore pulsante della città".

"Lo scorso anno – ha ricordato il sindaco - ho assistito a un concerto di qualità indiscussa che mi ha trasmesso un grandissimo senso di serenità d’animo e tanta speranza. Quando sono uscito dal teatro Cilea avevo l’animo colmo di gioia e tranquillità". Rivolgendosi, infine, direttamente agli organizzatori il sindaco ha concluso dicendo: "Avete lo straordinario merito di impegnare la vostra vita verso gli altri con progetti che hanno risvolti sociali fondamentali e arrivano dritti al cuore di chi vi assiste".

L'intervento di don Giovanni Gattuso e del direttore del Chorus Christi Antonino Ripepi

"Noi, ha detto il sacerdote, siamo cristiani e noi più degli altri dobbiamo portare speranza. Significativa è l’espressione di Tonino Bello, quando parla di organizzare la speranza, cioè tradurla in vita concreta ogni giorno, nei rapporti umani, nell’impegno sociale e politico ma con lo stile di Dio che è vicinanza, compassione, tenerezza".

Parole belle quelle di don Gattuso che ha ricordato come si tratti di un progetto che "fa della musica e del canto sacro, che sono un dono di Dio, uno strumento di lode e di carità perché orientano il cuore di chi canta verso Dio il sommo bene e l'Eterna Bellezza". Don Saverio Caccamo, parroco della parrocchia di San Giuseppe SS. Salvatore di Cataforio e San Salvatore ha espresso parole di gioia nei riguardi di questa iniziativa ricordando come la musica finalizzata alla solidarietà è dono.

Il ricavato della serata al reparto di pediatria

L’anno scorso il contributo di 17 mila euro è stato consegnato all’Hospice di Via Delle Stelle, in Reggio Calabria, così come indicato dal dott. Antonino Ripepi, direttore Chorus Christi. "Un successo raggiunto grazie alla generosità della popolazione reggina sempre attenta e disponibile nei riguardi del prossimo".

Il ricavato di quest’anno sarà destinato al reparto di pediatria del Gom "che si prodiga quotidianamente per garantire un elevato livello di cura ai bambini, anche sotto il profilo umano".

Un ringraziamento particolare è stato indirizzato al dott. Salvatore Maria Costarella per il servizio svolto ogni giorno accanto alla sofferenza che  ha espresso parole di stima nei riguardi degli organizzatori perché seminano il bene per servire quanti hanno bisogno anche di una mano sulla spalla perché, ha detto "spesso questi gesti servono più delle medicine".

Poi nel ricordare Papa Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, ha sottolineato come tutto si fa per rendere gloria a Dio. Il presidente del Chorus Inside Calabria, Natale Femia, ha detto che la musica e la voce va donata per servire mentre Lorenzo Festicini, presidente dell’Istituto Nazionale Azzurro, ha evidenziato come l’evento rappresenti "un'opportunità per testimoniare il potere unificante della musica e il suo ruolo imprescindibile nel promuovere valori umanitari fondamentali".

Un progetto articolato in tre fasi

Prima fase: convegno di sensibilizzazione, dal titolo "Armonie dell’Anima: Minori, Musica, Fede nel tempo" che si terrà venerdì 17 maggio, presso la sala Spinelli del presidio ospedaliero Riuniti del Gom di Reggio Calabria.

La seconda prevede un incontro di formazione, tenuto dal maestro Monsignor Marco Frisina, dove saranno invitate a partecipare tutte le corali parrocchiali, che si terrà il 2 giugno, presso l’aula magna del Seminario arcivescovile Pio XI di Reggio Calabria alle ore 18.

Terza fase: concerto di musica sacra polifonica, diretto da maestro Frisina, che si svolgerà il 3 giugno presso il teatro F. Cilea in Reggio Calabria che sarà concesso a titolo gratuito dall’Amministrazione comunale.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insieme per il reparto di pediatria: presentato il concerto Christus Vincit II

ReggioToday è in caricamento