menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il fucile ritrovato a Ciminà

Il fucile ritrovato a Ciminà

Fucile nascosto in un'area demaniale ritrovato e sequestrato dai Carabinieri

L'arma e le cartucce rinvenute nelle campagne di Ciminà sono state consegnate ai carabinieri del Ris di Messina per gli esami balistici finalizzati a stabilire il loro eventuale uso in episodi criminali

Ennesimo ritrovamento di armi a Ciminà. Nei giorni scorsi, i carabinieri della stazione di Sant’Ilario dello Jonio e dello squadrone eliportato Cacciatori Calabria hanno rinvenuto in un terreno demaniale, in località “Piano di Moleti”, un fucile calibro 12 con matricola punzonata e 20 cartucce calibro 12 spezzate, abilmente nascosti all’interno di un tubo in plastica interrato e occultato, a sua volta, tra la fitta vegetazione.

Il ritrovamento si inserisce nell’ambito dei numerosi servizi disposti dal Gruppo carabinieri di Locri, finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in genere, con particolare attenzione a quelli relativi agli stupefacenti ed alle armi clandestine, che hanno già consentito, da inizio anno di ritrovare numerose armi, munizioni o esplosivo, come in ultimo, qualche giorno addietro.

Il fucile rinvenuto, è stato sequestrato a carico di ignoti per essere poi sottoposto ai prescritti accertamenti balistici dai carabinieri del Ris di Messina, al fine di verificare se sia già stato utilizzato per danneggiamenti o fatti di sangue.

"Ulteriori saranno i rastrellamenti - assicurano i carabinieri del comando provinciale - che verranno eseguiti nelle aree rurali dell’entroterra della Locride, sempre con particolare attenzione alle zone aspromontane, ispezionando zone boschive, casolari abbandonati, pozzi e anfratti naturali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento