Cronaca

Presto sarà realizzato il primo impianto di cremazione della città: sorgerà a Gallina

L’assessore Albanese: "Rappresenta un’opera molto importante e delicata per l'intera provincia". Intanto, restano inalterate le tariffe per la concessione di loculi e suoli per l'edificazione delle cappelle

Il cimitero di Condera

La città presto si doterà del primo impianto di cremazione della provincia di Reggio Calabria. "È in fase di espletamento - dichiara l'assessore Rocco Albanese - la prima fase di procedura finalizzata alla realizzazione dell'impianto che sarà costruito con la modalità del Progetto di Finanza. Sorgerà all’interno del cimitero di Gallina e rappresenta un servizio molto importante che, purtroppo manca nella nostra città. A breve quindi, esaurite le dovute procedure amministrative previste dalla norma, vedremo avviati i lavori di un’opera particolarmente importante".

Albanese Rocco-3L'assessore alle manutenzioni con delega ai servizi cimiteriali, parte da qui per affrontare, in una nota stampa, le strategie sulla gestione complessa dei camposanti cittadini. "Circa 12 dei 23 cimiteri cittadini – ha spiegato Albanese – soffrono l’impossibilità di un loro ampliamento che possa renderli più efficienti e confortevoli. Questo è dovuto, soprattutto, alle ristrettezze economiche causate dal Piano di rientro patito dal nostro Ente, ma anche da una distribuzione delle risorse disomogenea rispetto alla quale è quanto mai necessaria una modifica normativa".

"Del milione e 400 mila euro che incassiamo dall'assegnazione dei loculi – ha, infatti, affermato l’assessore - pochissimi rientrano nel circuito dei servizi cimiteriali. Tutti finiscono nella spesa comune ed al settore non resta sufficiente disponibilità che consenta di programmare investimenti di crescita e sviluppo per le strutture deputate ad accogliere le spoglie dei nostri cari". 

Costruzione di nuovi loculi e suoli per altre cappelle

Secondo Albanese, comunque, qualcosa "cambierà con l’approvazione del nuovo bilancio comunale che, finalmente, sarà depurato dalla mole debitoria e potrà contare sui Piani triennali d’intervento per le opere pubbliche".

"La rimodulazione della spesa – ha aggiunto – ci consentirà di costruire nuovi loculi e predisporre suoli per l’edificazione di altre cappelle, di procedere agli espropri per la sistemazione della rete dei servizi cimiteriali e di fare un bando che consentirà, ad ogni cittadino, di poter contare su un servizio puntale nel rigoroso
rispetto delle graduatorie d'assegnazione". 

Le lampade votive

Un altro obiettivo importante è l’internalizzazione dei servizi riguardanti le lampade votive: "Quando Castore, la società “in house” del Comune, potrà liberamente operare anche sotto questo aspetto, andremo ad aggredire un segmento importantissimo per le economie dell’Ente, potendo contare su un efficace rapporto fra costi e benefici che permetterà, all’azienda stessa, di aumentare il proprio personale".

Tariffe loculi e suoli cimiteriali

Nel frattempo, per tutto il 2021, la giunta comunale ha confermato le tariffe per la concessione di loculi e suoli cimiteriali, ribadendo lo schema già fissato dall’esecutivo di Palazzo San Giorgio nel 2015.

"Una scelta di buon senso", l’ha definita l’assessore Rocco Albanese che conta di "riuscire a poter garantire migliori e sempre più adeguati servizi ai reggini nel momento in cui, nel caso specifico, si trovano a dover affrontare uno dei percorsi più dolorosi come può essere il distacco dai propri affetti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presto sarà realizzato il primo impianto di cremazione della città: sorgerà a Gallina

ReggioToday è in caricamento