Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Nuova strategia della Città metropolitana, Neri: "I territori al centro della governance"

La stagione dell'Ente sarà nel segno del rilancio e della partecipazione dei territori all’interno dei processi decisionali. Lo assicura il neo vicesindaco della MetroCity

Armando Neri

“Il territorio metropolitano di Reggio Calabria è un luogo straordinariamente ricco di bellezza, cultura, diversità e occorre fare di tutto per valorizzarlo, renderlo attrattivo e quindi in grado di generare sviluppo. Ed è con questo spirito di servizio per il bene comune che intendo interpretare il gravoso ruolo di vicesindaco della Città Metropolitana che ho l’onore di ricoprire”. 

La nuova stagione dell’ente di palazzo Alvaro sarà dunque nel segno del rilancio e della partecipazione dei territori all’interno dei processi decisionali, assicura il neo vicesindaco della Metrocity, Armando Neri, evidenziando la centralità “della fase di ascolto e confronto con gli amministratori, i cittadini e le tante anime del tessuto sociale dell’area metropolitana di Reggio Calabria che il nostro ente, su preciso indirizzo del sindaco Giuseppe Falcomatà, ha già avviato. Un percorso che si sta sviluppando attraverso incontri nei territori e un contatto diretto con le comunità per toccare con mano i problemi e analizzare da vicino criticità e punti di forza”.

L’azione amministrativa della Città Metropolitana potrà trarre forza ed energia dal “clima di collaborazione che si respira - evidenzia il vicesindaco Neri - all’interno dell’assemblea di palazzo Alvaro. C’è voglia di fare un buon lavoro, a cominciare dall’esigenza di far percepire ai cittadini la concretezza di questo importante Ente, attraverso un impegno politico di prossimità che sia capace di rendere la grande eterogeneità del nostro territorio, un valore aggiunto e un fattore di crescita e sviluppo. In questo contesto, si colloca il primo vero indirizzo operativo che intendiamo adottare e che porterà le sedute del consiglio metropolitano direttamente nei centri della nostra provincia, uscendo così dal palazzo e testimoniando con i fatti che il concetto di “reggiocentrismo” non può e non deve esistere”.

Su alcuni argomenti di stringente attualità la Città metropolitana è chiamata a dare risposte precise, “basti pensare - rimarca il vicesindaco Neri - ai temi dei rifiuti e della viabilità. Questioni sulle quali abbiamo già iniziato a lavorare anche nel quadro di alcuni sopralluoghi fatti in questi giorni con il sindaco Falcomatà e altri colleghi consiglieri, sul versante jonico. Qui ci siamo confrontati con i comitati dei cittadini anche sulle criticità legate al ripristino di alcuni importanti assi viari. E mi piace anche sottolineare la consegna dei lavori a Bagnara per la realizzazione del nuovo istituto scolastico superiore”.

Quella dell’autorevolezza, infine, viene considerata l’altra fondamentale sfida da raccogliere, evidenzia il vicesindaco della Città Metropolitana, “perché quelli che abbiamo davanti sono appuntamenti cruciali per il destino di questo territorio.

Servirà pertanto, da subito, un Ente capace di interloquire con attenzione e rigore nei confronti di tutti gli altri livelli di governance e a tutti i tavoli decisionali, a cominciare da quelli europei e nazionali. È necessario farsi trovare pronti, specie sul fronte della programmazione, rispetto alle opportunità di investimento e quelle leve finanziarie che possono consentirci di scrivere una storia nuova per questa provincia, quale contesto territoriale di primo piano e snodo strategico nel cuore del Mediterraneo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova strategia della Città metropolitana, Neri: "I territori al centro della governance"

ReggioToday è in caricamento