rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Il caso / Centro / Piazza de Nava

Il Comitato per la tutela dei Bronzi tuona contro le copie nel mare della Versilia

"Operazione ridicola e offensiva verso l'impegno degli studiosi che si sono spesi in cinquant'anni di restauri e ricerche"

"L'iniziativa delle copie dei Bronzi di Riace gettate in mare e recuperate dopo un anno per studiarne gli effetti è innanzitutto un'idea ridicola. Bisognerebbe tenere in mare le copie per circa 2000 anni, ricreare le stesse condizioni climatiche, di salinità del mare, di fauna e flora che si sono avvicendate nello stesso periodo per provare a riprodurre gli effetti prodotti sugli originali".

Esordiscono così in una nota Pasquale Amato, Francesco Alì e Eduardo Lamberti Castronuovo del Comitato per la tutela e la valorizzazione dei Bronzi di Riace e del Museo Archeologico nazionale di Reggio Calabria. La nota prosegue così: "Ci dispiace che gli organizzatori debbano sprecare risorse economiche e tempo per provare a scoprire risultati  già acquisiti dal Ministero che, da quando i Bronzi sono stati ritrovati, ha già effettuato tre restauri (di cui il secondo e il terzo a Reggio) con i quali si è altresì cercato di porre rimedio ai danni procurati  dagli agenti corrosivi e dalle ossidazioni provocate da tanti anni in fondo al mare. Se gli organizzatori di questa iniziativa inutile si fossero informati avrebbero evitato di fare una pessima figura".

Dal Comitato sottolineano che questa operazione, esclusivamente commerciale sebbene contrabbandata come pseudo-scientifica, è non solo ridicola ma anche offensiva verso l'impegno degli studiosi che si sono spesi in 50 anni di restauri e ricerche. È altresì ingannevole e lesiva dell'immagine  dei due capolavori assoluti del V secolo a.C. nel mondo. Danneggia infine il primato dell'Italia  come sede del più rilevante patrimonio artistico e culturale nel mondo".

"Se davvero si vuole diffondere al meglio la conoscenza dei due capolavori - concludono Amato, Alì  e Lamberti - invitiamo il Ministero, la Regione e la Città Metropolitana a investire risorse per organizzare voli e treni speciali per consentire ai visitatori italiani e stranieri di venire a Reggio Calabria per ammirare l'armoniosa perfezione artistica e l'ammaliante bellezza delle statue originali. Opere che sono eccellenze mondiali e beni identitari e inamovibili del Museo archeologico della Magna Grecia di Reggio Calabria".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comitato per la tutela dei Bronzi tuona contro le copie nel mare della Versilia

ReggioToday è in caricamento