Giovedì, 18 Luglio 2024
L'incontro

Il reggino Festicini protagonista alla Conferenza Internazionale degli ordinariati militari a Vienna

L'incontro, presente anche mons Marcianò, ha rappresentato un'importante occasione per approfondire le questioni cruciali legate alla difesa dei diritti umani e per pianificare le iniziative future in ambito religioso e militare

Nella cornice prestigiosa della Conferenza internazionale degli ordinariati militari a Vienna, il reggino  Lorenzo Festicini si è distinto in qualità di responsabile della sezione diritti umani presso l'ufficio internazionale degli Oomm della Santa Sede.  

La presenza, inisieme a mons. Santo Marcianò, ordinario militare per l’Italia, e anche lui reggino, di un concittadino in un ruolo così importante ha destato orgoglio nella nostra città, evidenziando il suo notevole spessore e prestigio a livello internazionale.

Durante la riunione con la presidenza di Werner Freistetter, vescovo ordinario militare per l'Austria, tutti i vescovi castrensi europei e non solo hanno partecipato attivamente.  Al centro dei dibattiti tenutesi dal 1 al 4 luglio, le sfide degli ordinariati in un contesto internazionale dei diritti umani, evidenziando l'importanza di tali tematiche nell'attuale scenario globale. Inoltre, si è discusso dell'organizzazione del prossimo Giubileo dedicato agli ordinariati militari, con le giornate previste per l'8 e il 9 febbraio.  

L'incontro ha rappresentato un'importante occasione per approfondire le questioni cruciali legate alla difesa dei diritti umani e per pianificare le iniziative future in ambito religioso e militare. La partecipazione attiva di Lorenzo Festicini esperto in diritto umanitario e l'interesse suscitato da questo evento internazionale, dimostrano il ruolo di rilievo che la nostra città può rivestire nel panorama globale, confermando il talento e l'impegno dei suoi cittadini anche in contesti di grande prestigio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il reggino Festicini protagonista alla Conferenza Internazionale degli ordinariati militari a Vienna
ReggioToday è in caricamento