Affiliato alla 'ndrangheta e condannato per omicidio, scatta la confisca di 900 mila euro

Il pluripregiudicato gioiese Vincenzo Perri, vicino alla famiglia "Brandimarte-Perri", è in carcere per omicidio e armi e per produzione e traffico di sostanze stupefacenti

I carabinieri del comando provinciale hanno messo sotto chiave un patrimonio di circa 900 mila euro. Sei fabbricati, ricadenti nel comune di Gioia Tauro, oltre a prodotti finanziari, sono stati sequestrati e confiscati a Vincenzo Perri 36enne, pluripregiudicato gioiese, attualmente detenuto in carcere.

Nel corso del suo "excursus criminale", l’uomo, ritenuto dagli investigatori affiliato alla famiglia di 'ndrangheta "Brandimarte-Perri", si sarebbe macchiato in varie occasioni di gravi reati, sia contro il patrimonio che la persona.

E' stato condannato oltre che per omicidio e armi, anche per produzione e traffico di sostanze stupefacenti. Le indagini condotte dal nucleo investigativo degli uomini dell'Arma e sul quale il provvedimento si fonda, derivano da due condanne a 3 anni e a 12 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Che senso ha rimanere, se a far rumore è solo il mare?": la lettera di una reggina alla sua città

  • Regionali, Callipo a Salvini: "Mi vergogno dei politici che stringono patti con la 'ndrangheta"

  • Incidente sull'A2 tra Palmi e Gioia Tauro: morto un 19enne, feriti due carabinieri

  • ‘Ndrangheta, colpita la cosca Tegano: quattro arresti e numerose perquisizioni

  • Notte di fuoco sul Viale della libertà: 5 auto avvolte dalle fiamme

  • Cavese-Reggina ad alta tensione, scontri tra tifosi: denunciati tre ultras amaranto

Torna su
ReggioToday è in caricamento