menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La solidarietà della Consulta politiche sociali ai genitori dei bimbi autistici in protesta all'Asp

In mattinata protesta dei genitori dei bimbi autistici davanti all’Asp per il mancato recepimento di una sentenza che dà loro ragione per quanto riguarda il diritto di ricevere aiuti di legge per sostenere le cure dei pazienti

Massima solidarietà e partecipazione da parte della consulta cittadina per le politiche sociali alle famiglie dei portatori di sindrome autistica che oggi manifestano davanti all’Asp per il mancato recepimento di una sentenza che da loro ragione per quanto attiene il diritto di ricevere aiuti di legge per sostenere le cure dei pazienti".

Cagliostro Marisa-3E' quanto afferma Marisa Cagliostro, presidente Consulta politiche sociali e del lavoro che aggiunge "in commissione politiche sociali è stato discusso nei giorni scorsi un progetto che prevede anche un Centro di ricerca sulla patologia sul quale si sono aperte le interlocuzioni cui ha partecipato per la consulta la dottoressa Ilenia Longo dell’Agesci, psicologa.

La città non ha alcun presidio per la diagnosi e le lunghe cure cui le famiglie fanno fronte recandosi a Messina o in altri centri del nord Italia affrontando ingenti spese che non trovano poi accoglienza presso l’Asp locale. Alcune associazioni tra le famiglie fanno notevoli sforzi per sopperire alla mancanza di centri specializzati e di terapie la cui durata è spesso per l’intera vita di questi pazienti".

I Comuni tramite i loro servizi sociali possono avvalersi di fondi nazionali e regionali per venire incontro alle carenze sia ospedaliere che di assistenza domiciliare e debbono dotarsi di specifici Piani, come il Piano di zona in via di redazione, per la dislocazione e l’utilizzo delle risorse con maggiore tempistica ed efficienza del personale degli uffici che è,come sappiamo, sottodimensionato. Qualunque piano o intervento pubblico necessita di disporre dei dati della reale situazione dei bisogni per poter parametrare gli interventi.

La dottoressa Ilenia Longo nel suo intervento in commissione ha affermato come sia fondamentale procedere prima di tutto con un'analisi dei bisogni delle famiglie e dei caregivers di bambini, ragazzi e adulti con diagnosi di disturbo dello spettro autistico, ascoltandoli in prima persona.

Un'analisi del territorio offre maggiore chiarezza rispetto al numero di famiglie con bambini e ragazzi minorenni e famiglie che hanno un familiare maggiorenne con diagnosi di disturbo dello spettro autistico, che tipo di terapia riabilitativa e supportiva stanno facendo e da quanto tempo, e quante di queste famiglie sono costrette a spostarsi per accedere alle terapie.

Infine, sottolinea Marisa Cagliostro "ma non meno importante in questo momento dialogare con i Comuni limitrofi per avere una fotografia il più completa possibile, in quanto poter avere un Centro di ricerca sull'autismo a Reggio Calabria potrebbe essere un grosso vantaggio e una grande risorsa non solo per la città ma per tutto il territorio circostante. La consulta politiche sociali ha organizzato al suo interno gruppi di lavoro tra le associazioni che vi afferiscono, per fornire alle istituzioni interessate dati reali e per elaborare proposte sull’intero settore sia sanitario che socio assistenziale e di inclusione". 

Specifici incontri di lavoro sono previsti per giovedi 4 marzo in presenza nel rispetto delle normative anti Covid presso Palazzo San Giorgio e troveranno un primo momento di raccordo tra tutte le associazioni cittadine del settore il 10 marzo su invito del vicesindaco Tonino Perna alla presenza dell’assessore alle politiche sociali Demetrio Delfino e del presidente della commissione competente Carmelo Romeo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Stanchezza primaverile? Sintomi e rimedi naturali

Cura della persona

Trattamenti estetici per ciglia: la parola al dermatologo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento