Cronaca

Coronavirus, in Calabria altri 185 casi positivi e tre morti: stabili i ricoveri

Nelle ultime 24 ore si abbassano i dati nelle terapie intensive e il numero degli isolati a domicilio. Sempre in aumento le guarigioni (+366). Nella provincia di Reggio Calabria individuati 51 contagi

In Calabria ci sono altri 185 nuovi contagi da Covid a fronte di 2.996 tamponi fatti su 2.777 soggetti testati. Tre i morti registrati nelle ultime 24 ore dal personale sanitario: due a Cosenza e uno a Crotone che portano a 1.157 la drammatica lista delle persone decedute. Sono questi i dati diffusi dal consueto bollettino regionale Tutela della Salute che, inoltre, precisa: "Sei casi dell'Asp di Cosenza sono stati inseriti nel setting fuori regione".

I dati 

I positivi sono ad oggi 66.454, dopo 858.302 tamponi, (allo stesso soggetto possono essere effettuati più test), mentre le persone negative sono in tutto 722.498. 

I casi nelle province

E' la provincia di Cosenza ad avere il maggior numero dei contagi con 66 casi, seguita da Reggio Calabria 51, Crotone 31, Catanzaro 27 e Vibo Valentia 10. Altra Regione o Stato estero 0. 

In discesa i ricoveri nelle terapie intensive (-2), il totale dei pazienti è 19, mentre si stabilizza il dato in area medica (274). Si abbassa anche il numero degli isolati a domicilio (-182, 10.095) e dei casi attivi (10.388). Sempre in crescita i guariti (+366) con un complessivo di 54.909. 

I dati del bollettino nazionale

Casi positivi, migliorano i dati: il monitoraggio di Gimbe

Migliorano i dati relativi alla diffusione del Covid in Calabria. Nella settimana dal 19 al 25 maggio, secondo il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe, i casi attualmente positivi per 100.000 abitanti sono 460 con un calo, rispetto alla settimana precedente, del 16,4%. Sotto soglia di saturazione i posti letto in area medica e terapia intensiva occupati da pazienti Covid-19, rispettivamente al 29 e 14%.

I dettagli 

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti, Reggio  Calabria: casi attivi 1.334 (68 in reparto, 26 nel presidio di Gioia Tauro, 4 in reparto al presidio ospedaliero di Melito, 6 in terapia intensiva, 1.230 in isolamento domiciliare); casi chiusi 20.966 (20.650 guariti e 316 deceduti); Catanzaro: casi attivi 1.198 (24 in reparto AO, 6 al presidio di Lamezia, 7 al policlinico Mater Domini, 6 in terapia intensiva, 1.155 in isolamento domiciliare); casi chiusi 8.648 (8.512 guariti e 136 deceduti); Cosenza: casi attivi 6.950 (70 in reparto AO, 20 nel presidio di Rossano, 9 ad Acri, 4 in quello di Cetraro, 0 all'ospedale da campo, 7 in terapia intensiva, 6.836 in isolamento domiciliare); casi chiusi 15.243 (14.721 guariti e 522 deceduti); Crotone: casi attivi: 624 (20 in reparto e 604 in isolamento domiciliare; casi chiusi: 5.757 (5.664 guariti e 93 deceduti); Vibo Valentia: casi attivi 223 (12 in reparto e 211 in isolamento domiciliare; casi chiusi 5.110 (5.020 guariti e 90 deceduti). Altra Regione o Stato estero: casi attivi 59 in isolamento domiciliare; casi chiusi 342 (342 guariti). 

La campagna vaccinale: i dati della Fondazione Gimbe

Sul fronte vaccinale, secondo il monitoraggio Gimbe, la percentuale di popolazione che ha completato il ciclo è pari al 16,4% a cui aggiungere un ulteriore 18% con sola prima dose. Riguardo agli over 80 hanno ultimato la vaccinazione il 68,7%, con un altro 8,8% con una dose. Nella fascia 70-79 anni ha ricevuto la doppia dose il 32,8% con un ulteriore 41% che ha ricevuto la prima dose. Tra la popolazione nella fascia 60-69 anni hanno completato il ciclo vaccinale il 24% a cui aggiungere un ulteriore 38,5% con la sola prima dose.

Note dalla Regione

"Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile".

Che cosa si può fare in zona gialla

Ristorazione con consumo al tavolo esclusivamente all'aperto. Al chiuso dal 1 giugno e solo a pranzo. Sì a sport all’aperto, anche di squadra e di contatto, ma senza poter utilizzare gli spogliatoi. Piscine dal 15 maggio, palestre l'1 giugno. Riaprono musei, cinema, teatri e live club ma con limitazioni di spazio. Fino al 15 giugno un solo spostamento una volta al giorno verso un'abitazione privata, in un massimo di 4 persone. Scuole aperte, superiori in presenza almeno al 70%. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, in Calabria altri 185 casi positivi e tre morti: stabili i ricoveri

ReggioToday è in caricamento