menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, impennata di positivi in Calabria: 522 i nuovi contagi e quattro morti nelle 24 ore

Si abbassa anche oggi il numero dei ricoveri (-2) in terapia intensiva per un totale di 34 pazienti mentre è in aumento il numero dei ricoverati in area medica. Sono 102 le positività individuate nella provincia di Reggio Calabria e un decesso al Grande ospedale metropolitano

Nuova impennata di casi positivi in Calabria. Sono 522 i contagi da Covid accertati sul territorio in seguito a 3.927 tamponi su 3.656 soggetti testati. Nelle 24 ore registrati altri quattro decessi, uno anche in terapia intensiva al Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria, (si tratta di un uomo di 60 anni, affetto da severe patologie concomitanti all’infezione), che portano a 823 il bilancio totale dall'inizio dell'emergenza sanitaria. "Sei decessi che nei giorni scorsi sono stati inseriti a Catanzaro, - precisano dalla Regione - oggi vengono inseriti nell’Asp di provenienza (Cosenza)".

I positivi raggiungono un complessivo di 47.480, dopo 671.400 tamponi, (allo stesso soggetto possono essere effettuati più test), mentre le persone negative sono in tutto 583.583. E' questa la fotografia scattata dal consueto bollettino del dipartimento Tutela della Salute della Regione Calabria.

I casi nelle province

I casi positivi vedono sempre in cima la provincia di Cosenza con 171 contagi, seguita da Catanzaro 135, Reggio Calabria 102, Crotone 80 e Vibo Valentia 34. Altra Regione o Stato estero 0. 

Si abbassa anche oggi il numero dei ricoveri (-2) in terapia intensiva per un totale di 34 pazienti. Mentre si alza il dato dei degenti (+19) in area medica (408), così come quello degli isolati a domicilio (+294, 10.194) e dei casi attivi (10.636); i guariti si attestano a 36.021 con 207 nuove guarigioni. 

I dati del bollettino nazionale

I dettagli 

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti, Reggio Calabria: casi attivi 1.353 (85 in reparto, 13 nel presidio di Gioia Tauro, 5 in terapia intensiva, 1.250 in isolamento domiciliare); casi chiusi 15.661 (15.420 guariti e 241 deceduti); Catanzaro: casi attivi 2.521 (59 in reparto AO, 9 al presidio di Lamezia, 24 al policlinico Mater Domini, 12 in terapia intensiva, 2.417 in isolamento domiciliare); casi chiusi 4.413 (4.314 guariti e 99 deceduti); Cosenza: casi attivi 5.242 (110 in reparto AO, 18 nel presidio di Rossano, 15 ad Acri, 18 in quello di Cetraro, 0 all'ospedale da campo, 17 in terapia intensiva, 5.064 in isolamento domiciliare); casi chiusi 9.510 (9.155 guariti e 355 deceduti); Crotone: casi attivi: 956 (41 in reparto e 915 in isolamento domiciliare; casi chiusi: 3.120 (3.067 guariti e 53 deceduti); Vibo Valentia: casi attivi 519 (16 in reparto e 503 in isolamento domiciliare; casi chiusi 3.826 (3.756 guariti e 70 deceduti). Altra Regione o Stato estero: casi attivi 50 in isolamento domiciliare; casi chiusi 309 (309 guariti). 

La campagna vaccinale: i dati del Gom

Le dosi di vaccino somministrate dall'ospedale di Reggio Calabria al personale e agli utenti per i quali è stato autorizzato sono 11.561. Di queste, 7.368 sono prime dosi, 4.193 sono, invece, seconde dosi. Il dato, comunica la direzione aziendale del Gom, è aggiornato a ieri. 

Fondazione Gimbe: peggiorano i dati in Calabria

Rientri in Calabria

Dall'ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria, per comunicare la presenza sul territorio, sono in totale 450.

Note dalla Regione

"Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile".

Che cosa si può fare in zona rossa

Gli spostamenti permessi solo per validi motivi dalle 5 alle 22, sempre con autocertificazione. Vietato anche andare in visita dagli amici/parenti. Chiuse anche le scuole materne ed elementari. Chiusi i negozi, per bar e ristoranti è consentita l'attività di ristorazione sia da asporto che a domicilio.

Dal 29 marzo 2021 e fino a tutto il 6 aprile 2021 è disposta "la sospensione in presenza delle attività dei servizi educativi dell’infanzia, scolastiche e didattiche delle scuole di ogni ordine e grado, che si svolgono esclusivamente con modalità a distanza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento