Coronavirus, casi positivi intercettati al Gom: chiuso il reparto di ortopedia e traumatologia

Le misure anti contagio, dunque, impongono "la chiusura preventiva del reparto ad altri ricoveri fermo restando il trattamento degli attuali ricoverati"

La direzione aziendale del Grande ospedale metropolitano ha chiuso il reparto di ortopedia e traumatologia del presidio ospedaliero Riuniti.

"La misura si è resa necessaria - spiegano dall'ospedale - per alcune positività al test riscontrate tra il personale ed i degenti del reparto". E' stata così disposta la sanificazione della Uoc di ortopedia e l’esecuzione dei tamponi per tutti gli operatori ed i pazienti del reparto. Le misure anti contagio, dunque, "impongono la chiusura preventiva del reparto ad altri ricoveri fermo restando il trattamento degli attuali ricoverati".

La raccomandazione

La direzione aziendale del Gom raccomanda, soprattutto "in questo momento di grave emergenza, il rispetto delle misure di prevenzione del contagio, in particolare si ricorda di rispettare la distanza interpersonale nonché di tenere comportamenti sociali responsabili a tutela della salute di tutti. Per la prevenzione ed il monitoraggio del contagio è fortemente raccomandato utilizzare l'app "Immuni" promossa dal ministero della Salute. Per informazioni o in caso di sintomi sospetti contattare il numero Verde 1500 ministeriale e il numero Verde 800 76 76 76 della Regione Calabria".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Il pm Musolino boccia i commissariamenti: "Fallimento a tutto tondo"

  • Coronavirus, la Calabria resta in zona rossa: nuova ordinanza del ministro Speranza

  • 'Ndrangheta, sigilli alla "Pescheria del viale" e ai conti di Alfonso Molinetti e dei familiari

  • Un malore stronca un anziano sul centralissimo Corso Garibaldi

  • Birre al bergamotto e all’estratto di olive conquistano il palato e fanno bene alla salute

Torna su
ReggioToday è in caricamento