menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Coronavirus fa altre quattro vittime al Gom: 98 i pazienti positivi ricoverati in ospedale

Hanno perso la vita due uomini di 85 e 65 anni e due donne di 75 e 76 anni, "tutti affetti da severe patologie concomitanti all'infezione". A darne notizia la direzione aziendale del nosocomio reggino

Continua la scia dei decessi da Covid al Grande ospedale metropolitano. Nelle ultime 24 ore i sanitari hanno registrato, purtroppo, altre quattro vittime, di cui due in terapia intensiva, che portano la triste lista a 110 dall'inizio dell'emergenza sanitaria. 

Hanno perso la vita due uomini di 85 e 65 anni e due donne di 75 e 76 anni, "tutti affetti da severe patologie concomitanti all'infezione". A darne notizia la direzione aziendale del Gom.

Nella giornata di oggi, inoltre, sono 69 le persone sottoposte allo screening, di cui due sono risultate positive al test. 
In seguito a tre ricoveri e tre dimissioni, sono 98 in tutto i pazienti positivi ricoverati in ospedale: 42 si trovano nel reparto di malattie infettive, 30 in pneumologia, 21 in medicina d'urgenza e 5 in terapia intensiva. I pazienti finora accolti dal Gom sono 544 (di questi, 6 hanno avuto un doppio ricovero per un totale di 550) mentre i clinicamente guariti sono 269 e 65 quelli trasferiti ad altro ospedale. 

Le raccomandazioni

La direzione aziendale del Gom "continua a raccomandare il rispetto delle misure di prevenzione del contagio, in particolare si ricorda di rispettare la distanza interpersonale nonché di tenere comportamenti sociali responsabili a tutela della salute di tutti. Per la prevenzione ed il monitoraggio del contagio è fortemente raccomandato utilizzare l'app "Immuni" promossa dal Ministero della Salute. Per informazioni o in caso di sintomi sospetti contattare il numero Verde 1500 ministeriale e il numero Verde 800 76 76 76 della Regione Calabria".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento