Cronaca

Coronavirus, Reggio piange la scomparsa del medico Bartolo Tarsia: sgomento in città

Il professionista lascia moglie e due figli. Medico di famiglia, apprezzato dai colleghi e considerato speciale da quanti hanno avuto il privilegio di conoscerlo

Addio al dottore Bartolo Tarsia. Medico di famiglia, 69 anni, stimato e molto conosciuto in città, è morto dopo una lunga lotta contro il Coronavirus e quindici giorni di ricovero nel reparto di pneumologia del Grande ospedale metropolitano.

Tarsia Bartolo-2Lascia moglie e due figli e una profonda tristezza in quanti hanno avuto il privilegio di conoscere le sue doti umane e professionali. 

Il cordoglio dell'Ordine dei medici

"Apprendo con stupore e grande dolore della morte del collega Bartolo Tarsia, valentissimo medico di medicina generale ed amico fraterno - scrive commosso il dottor Giuseppe Messina su Facebook - Ci eravamo laureati lo stesso giorno e, dopo anni, ci siamo ritrovati professionalmente in una proficua collaborazione. Lo ha stroncato la pandemia, sicuramente frutto della grande disponibilità ed abnegazione che contraddistingueva il suo modo di lavorare".

Poche parole ma dense di grande commozione quelle di Sebastiano Macheda, direttore dell'Unità operativa complessa di rianimazione del Gom: "Una grande tristezza mista a senso di impotenza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Reggio piange la scomparsa del medico Bartolo Tarsia: sgomento in città

ReggioToday è in caricamento