Nuove misure contro il Coronavirus, verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

Il premier Conte è al lavoro per un nuovo provvedimento da varare nel week end: a scuola anche il pomeriggio, coprifuoco nazionale, movimenti consentiti solo per ragioni di lavoro, salute o istruzione. Spunta l'ipotesi di fermare gli spostamenti tra regioni

Nuovo Dpcm in arrivo per contenre la diffusione del nemico invisbile: il Covid. La previsione dei giornali è che verrà firmato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in questo week end e quindi entro domenica 25 ottobre. Ma è scontro sui contenuti, visto che un'ala del governo spinge decisamente per includere il coprifuoco alle 23 in tutta Italia, mentre il premier non vorrebbe arrivare a questo ma soltanto includere provvedimenti sulla scuola e sui trasporti. 

Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

Il bollettino della Protezione Civile ieri ha registrato 10874 nuovi positivi e 89 morti con 144737 tamponi: in Lombardia si sono registrati 2023 nuovi casi, in Piemonte 1396, in Campania 1312 e nel Lazio 1224 nuovi casi. Negli ospedali sono state ricoverate 778 persone nelle ultime 24 ore (ieri 500) mentre nelle terapie intensive si trovano 870 persone in condizioni critiche (+73). Ma soprattutto, è il confronto con lo scorzo marzo a rivelare la gravità della situazione: all'epoca i pazienti in terapia intensiva erano 733 contro gli 870 di oggi; i ricoverati con sintomi 4316 (oggi 8545), i decessi 97 contro gli 89 dell'ultimo bollettino.

Il bolletino in Calabria con gli aggiornamenti dal Gom di Reggio

Ma a fare paura sono soprattutto gli sviluppi: a Palazzo Chigi, spiega Repubblica, sono consapevoli che da oggi e fino a venerdì la curva del contagio crescerà rapidamente e la pressione sugli ospedali inevitabilmente aumenterà. In Europa si valuteranno misure al limite del lockdown totale. E ci si aspetta una reazione anche dall'Italia.

  • Che potrebbe essere quella di consentire solo i movimenti per ragioni di scuola e lavoro e limitare gli spostamenti tra regioni. Il primo punto è la scuola, dove Lucia Azzolina ha varato una procedura lunga e complessa sugli orari scaglionati che rischia di essere inefficace. Per questo, spiega il quotidiano, il nuovo Dpcm da firmare entro domenica 25 ottobre prevederà:
  • interventi su palestre e piscine;
  • limitazioni nei centri commerciali nei fine settimana;
  • ulteriori limitazioni al ribasso dell'orario di ristoranti e pub;
  • nuovi obblighi per le Asl per Immuni.

Il "coprifuoco" 

Il Partito Democratico vuole un provvedimento su tutto il territorio nazionale dalle 22 alle 23 e fino alle 6 del mattino; il MoVimento 5 Stelle vorrebbe spostare l'inizio del coprifuoco all'una di notte fino alle 5. Conte vorrebbe evitare qualsiasi tipo di provvedimento ma preferisce la soluzione dei grillini. Ma l'alternativa è il divieto completo di tutti i movimenti tranne quelli strettamente necessari per lavoro, scuola e salute. E a questo punto si dovrà rispolverare anche l'autocertificazione, che nel frattempo sta per tornare in Lombardia e in Campania.

Regole per trasporti e scuola

Secondo La Stampa il nodo principale è quello dei trasporti, nonostante le resistenze della ministra Paola De Micheli. L'ipotesi che servirà a svuotare i mezzi secondo il governo è rendere stringente a livello nazionale il doppio turno tra mattina e pomeriggio, scaglionando così le entrate e, giocoforza, anche gli orari di entrata e uscita degli studenti dagli istituti. L'ingresso potrebbe essere spostato tra le 10 e le 11 per alleggerire i mezzi pubblici nelle ore di punta. Ma attenzione: le regole varranno solo per gli studenti delle scuole superiori:

Si tratta di misure che coinvolgerebbero studenti dai 14 anni in su, in quanto autonomi dai genitori. Secondo l’ultimo Dpcm, dove è scritto che l’ingresso sarà predisposto "non prima delle 9", nulla cambia per la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado, come spiegato da Azzolina lunedì in una nota interpretativa inviata ai dirigenti scolastici.

Mentre le scuole secondarie di secondo grado "potranno invece adottare, in caso di situazioni critiche o di particolare rischio comunicate dalle autorità sanitarie o dagli enti locali, ulteriori forme di flessibilità della loro organizzazione, incrementando, ad esempio, il ricorso alla Didattica Digitale Integrata. Oppure modulando ulteriormente (rispetto a quanto già disposto da settembre) orari di ingresso e uscita di alunne e alunni, anche attraverso l’eventuale utilizzo di turni pomeridiani".

La chiusura dei ristoranti potrebbe essere spostata alle 22 o alle 23. Sulle palestre si deciderà dopo i controlli. Ma qui è il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ad essere contrario. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Il pm Musolino boccia i commissariamenti: "Fallimento a tutto tondo"

  • Coronavirus, la Calabria resta in zona rossa: nuova ordinanza del ministro Speranza

  • 'Ndrangheta, sigilli alla "Pescheria del viale" e ai conti di Alfonso Molinetti e dei familiari

  • Un malore stronca un anziano sul centralissimo Corso Garibaldi

  • Birre al bergamotto e all’estratto di olive conquistano il palato e fanno bene alla salute

Torna su
ReggioToday è in caricamento