menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid e situazioni nelle Rsa, Anastasi scrive al commissario della sanità Longo

Il consigliere regionale ribadisce che tra le altre cose "non è stato richiesto un censimento degli ospiti e del personale, per la distribuzione del vaccino, fondamentale, vista la fascia di rischio"

Marcello Anastasi, capogruppo di “Io resto in Calabria”, ha scritto una lettera inviata al commissario ad acta del Dipartimento tutela della salute, politiche sanitarie Guido Longo (trasmessa per conoscenza anche al presidente Nino Spirlì), per renderlo "partecipe di alcuni problemi e preoccupazioni che affliggono i responsabili di strutture residenziali per anziani, da cui sono stato coinvolto affinché fosse posta all’attenzione di chi di competenza, lo stato di molte Rsa.

Situazione estremamente aggravata in questo periodo di pandemia, che ha visto messa in pericolo tanto la tenuta organizzativa delle strutture quanto, soprattutto, la salute degli ospiti delle stesse, vero
anello debole".

Per Anastasi "le preoccupazioni riguardano alcuni punti focali vitali per la tenuta di questi presidi. Andrebbero assicurati i regolari pagamenti delle rette da parte degli organi competenti; è necessaria una distribuzione regolare gratuita dei presidi sanitari quali guanti (introvabili e costosissimi), mascherine, e gel; sarebbe opportuno evitare che il personale (infermieri e operatori socio sanitari) che opera nelle strutture non si dimetta per essere assorbito nelle Asp, ma si attinga dal personale libero, e non da quello già in servizio nelle strutture, lasciando quest’ultimo in difficoltà".

Secondo il consigliere regionale il punto centrale resta "una maggiore e più fattiva collaborazione delle Asp e della Regione, affinché le strutture non si sentano sole, ma abbiano un punto di riferimento (un ufficio, un incaricato, ecc.) a cui rivolgersi in caso di necessità, anche per ricerca di personale e/o presidi.

ltrettanto urgente, disporre immediatamente dei tamponi, quando richiesti con valida motivazione. Inoltre, viene segnalato che, ad oggi, non è stata data alcuna comunicazione, né richiesto un censimento degli ospiti e del personale, per la distribuzione del vaccino, fondamentale, vista la
fascia di rischio".

"Queste sono le misure minime che andrebbero garantite al fine di far lavorare gli operatori delle Rsa nelle migliori condizione di serenità e sicurezza – conclude Anastasi- per assicurare agli anziani una permanenza al sicuro da contagi, così come meritano e così come dovrebbe essere".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento