Cronaca

Coronavirus, all’Università Mediterranea conclusa la prima fase del piano vaccinale

Il piano vaccinale ha interessato anche il personale dell’Università per Stranieri Dante Alighieri. Sono state somministrate complessivamente 676 prime dosi di vaccino

Lunedì 12 aprile si è conclusa, nella sede dell’Università degli Studi Mediterranea, la prima fase del piano vaccinale anti Covid, esteso anche al personale dell’Università per Stranieri Dante Alighieri, contribuendo a intensificare le operazioni del sistema sanitario attraverso la messa a disposizione di appositi spazi e di un’adeguata organizzazione. 

A darne notizia l'Ateneo che spiega: "Il piano vaccinale è stato attuato in accordo con l’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria, su autorizzazione del presidente della Regione Calabria Antonino Spirlì, in accoglimento della richiesta del rettore dell’Università Mediterranea e Presidente del Comitato regionale universitario di coordinamento, professor Santo Marcello Zimbone, avanzata di concerto con gli altri Atenei calabresi.

La campagna vaccinale è stata avviata tempestivamente grazie alla pronta collaborazione del commissario Asp, dott. Gianluigi Scaffidi, del direttore sanitario della stessa azienda, dott. Antonio Bray. Sono state complessivamente somministrate 676 prime dosi di vaccino attraverso l’ottima attività di programmazione ed esecuzione delle operazioni, coordinata tra la direzione generale dell’Università Mediterranea, guidata dal professor Ottavio Amaro, e il presidio ospedaliero “Tiberio Evoli” di Melito Porto Salvo.

Il personale impegnato ha garantito grande disponibilità, efficienza e competenza, con la vigile supervisione del direttore sanitario, dott. Giuseppe Zuccarelli e dell’equipe medica guidata dal dott. Agostino Zavettieri. Le attività si sono avvalse proficuamente anche dell’assistenza del medico competente d’Ateneo, dott. Attilio Colica, nonché della presidente, dottoressa Daniela Marcella Dattola insieme ai medici e collaboratori della Croce Rossa Italiana di Reggio Calabria. La prima fase di somministrazione dei vaccini non ha fatto registrare alcuna reazione avversa di rilievo". 

"L’obiettivo delle vaccinazioni del personale universitario - conclude la nota - è quello di contrarre il più possibile i tempi per la piena ripresa delle attività formative in presenza. La formazione a distanza ha certamente consentito di andare avanti, ma rimane una soluzione di ripiego, con varie limitazioni accanto ad aspetti da valorizzare in futuro. Per la crescita personale dei giovani studenti è necessario anche vivere l’università, uno dei percorsi di vita più importanti che, se vissuto con consapevolezza piena e determinazione, non può che rivelarsi una bellissima avventura".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, all’Università Mediterranea conclusa la prima fase del piano vaccinale

ReggioToday è in caricamento