Covid, il campo migranti di Rosarno dichiarato zona rossa: la decisione della Santelli

La governatrice ha firmato ieri sera un'ordinanza dopo i 18 casi positivi individuati tra i migranti. "Il divieto di allontanamento" dal campo è valido fino alle ore 20 del 20 ottobre

La governatrice della Regione Calabria, Jole Santelli, ha emesso, ieri sera, un’ordinanza con la quale ha dichiarato "zona rossa", fino alle ore 20 del 20 ottobre, il campo migranti di Rosarno, dopo che in quest’area sono stati individuati 18 positivi al Coronavirus.

L’ordinanza blinda il campo migranti, campo container che si trova nella III^ Zona industriale di Contrada Testa dell’Acqua di Rosarno, ed è motivata dal fatto che "la situazione epidemiologica, legata al focolaio, può peggiorare rapidamente, dando luogo a altri casi confermati, non diversamente contenibili se non adeguatamente circoscritti".

Il provvedimento ricorda inoltre che "il 7 ottobre il sindaco di Rosarno ha rappresentato che, a seguito della positività a Covid di 3 soggetti dimoranti nel campo container della III^ Zona industriale di Contrada Testa dell’Acqua e dato il particolare contesto igienico-sanitario e logistico, può determinarsi un grave problema di sanità pubblica, nell’area interessata e per l’intero territorio comunale".

"Il 10 ottobre il Dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Reggio Calabria, a seguito dello screening effettuato sui soggetti dimoranti nel campo, ha comunicato che si sono registrati ulteriori 15 casi confermati, che portano il bilancio a 18 casi su un totale di 80 soggetti testati. L’incidenza dei casi confermati nella comunità del campo - è scritto nel provvedimento di Santelli - si attesta su livelli significativi, atteso che oltre il 22% dei soggetti sottoposti a test sono risultati positivi».

L’ordinanza del presidente della Regione, in particolare, dispone, con decorrenza immediata e fino alle ore 20 del 20 ottobre, "il divieto di allontanamento" dal campo migranti di Rosarno "di tutti gli individui ivi presenti, riducendo drasticamente ogni possibilità di vicinanza fisica e limitando al massimo ogni spostamento", e il divieto di accesso "salva la possibilità di transito" per operatori sanitari e socio sanitari e dell’emergenza , per le associazioni di volontariato "appositamente individuate" e per forze dell’ordine, di polizia, forze armate e vigili del fuoco.

Inoltre, "è disposta, a cura della protezione civile, anche attraverso le organizzazioni di volontariato e con il coinvolgimento della Croce Rossa Italiana, la sistemazione logistica adeguata delle persone risiedenti nell’area di cui trattasi oltre che l’assistenza per i bisogni e le esigenze primarie. Sono consentiti, unicamente, eventuali spostamenti ritenuti essenziali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine - conclude l’ordinanza - il Dipartimento di prevenzione dell’Asp di Reggio Calabria è tenuto a effettuare «la sorveglianza e il monitoraggio quotidiano dell’evoluzione epidemiologica" e "lo screening di tutti gli individui presenti nell’area sottoposta a limitazione, immediatamente prima del termine fissato dalla presente ordinanza; fornendo l’ulteriore assistenza, per quanto di competenza, ai richiedenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm contro il Covid: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • Nuove misure contro il Coronavirus, verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • La Calabria verso il coprifuoco e la chiusura delle scuole: in arrivo nuova ordinanza regionale

  • Falcomatà battezza la sua nuova giunta: "Capaci di vincere le partite più difficili"

  • "Batteri coliformi nell'acqua", scatta il divieto per uso alimentare in alcune zone della città

  • La droga in Sicilia arrivava via mare, due arresti sulle acque dello Stretto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ReggioToday è in caricamento