rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
L'intervento

Paola Binetti: "Fermare la corruzione accademica è fondamentale"

La senatrice dell'Udc sull'operazione "Magnifica" non ha peli sulla lingua: "È una triste prassi che si ripete fin troppo frequentemente"

"Fermare la corruzione accademica è un dovere. Lo dobbiamo a tutti quei ragazzi che sperano di fare carriera nelle università e che spesso finiscono in un vortice da cui è difficile uscire. L'approvazione della legge 2415 in materia di iscrizione contemporanea a due corsi di istruzione superiore è una notizia positiva ma non basta. È necessario implementare l'attività di controllo nelle commissioni di concorso, prevedendo nelle università nuovi codici etici”. A parlare è la senatrice dell’Udc, Paola Binetti.

“Difficoltà più grave con cui l'Università deve confrontarsi, oggi come ieri, è quella della corruzione accademica - ha detto ancora - con la piaga dei concorsi truccati e la penalizzazione dei ricercatori più qualificati a favore di quelli più raccomandati. Ho più volte denunciato questa piaga alla ministra Messa, così come avevo fatto in anni anteriori con i precedenti ministri dell'Università e della ricerca”.

“L'inchiesta che ha recentemente travolto l'Università di Reggio Calabria, e che arriva fino in provincia di Cosenza - ha concluso la senatrice - coinvolge personaggi di tutto rilievo, compresi rettori ed ex rettori. È una triste prassi che si ripete fin troppo frequentemente e che vanifica ogni tentativo di cambiamento e di sviluppo reale nelle nostre università. Se non si interviene su questo nodo cruciale a nulla serviranno anche i fondi tanto attesi del Pnrr, perché non avremo mai le persone giuste nei posti giusti per governare sia processi della ricerca che quelli della formazione".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paola Binetti: "Fermare la corruzione accademica è fondamentale"

ReggioToday è in caricamento