rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
Breakfast

Corte d'Appello, iniziato processo all'ex ministro Scajola

E' imputato per procurata inosservanza della pena in favore di Matacena

Si è presentato in aula l'ex ministro dell'Interno Claudio Scajola, davanti davanti ai giudici della Corte d'Appello di Reggio Calabria, dove è iniziato il processo "Breakfast". Claudio Scajola, che adesso ricopre la carica di primo cittadino di Imperia, è stato infatti condannato in primo grado a 2 anni di reclusione per procurata inosservanza della pena.

Un reato che, secondo la difesa dell'ex ministro, dovrebbe essere già prescritto e che Scajola avrebbe commesso in favore dell'ex parlamentare di Forza Italia Amedeo Matacena, deceduto lo scorso 16 settembre a Dubai, dove si era rifugiato da dieci anni dopo essere stato condannato in via definitiva a tre anni di carcere, a conclusione del processo "Olimpia", per concorso esterno in associazione mafiosa. Nei confronti dell'ex ministro, la Procura non ha fatto appello.

Nell'udienza di oggi, gli avvocati degli imputati Martino Politi e Maria Grazia Fiordalisi hanno formulato alcune eccezioni, - come riferisce l'Ansa - circa l'ammissibilità del ricorso dell'accusa contro l'assoluzione ottenuta dai loro assistiti in primo grado. La Procura generale ha insistito, invece, sulla richiesta di riapertura dell'istruttoria dibattimentale chiedendo che in aula venga sentito il collaboratore di giustizia Giuseppe Stefano Tito Liuzzo.

La Corte d'Appello, presieduta da Lucia Monica Monaco, si è riservata di decidere sia sulle eccezioni della difesa sia sulla richiesta della Procura generale. Lo farà probabilmente nella prossima udienza fissata per il 22 marzo.
Nell'ambito dell'inchiesta "Breakfast", coordinata dal Procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Giuseppe Lombardo, l'ex ministro Scajola era stato anche arrestato nel 2014 dalla Dia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corte d'Appello, iniziato processo all'ex ministro Scajola

ReggioToday è in caricamento