rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
La decisione

Nella guerra al Covid-19 l'Asp reggina schiera l'esercito

Sottoscritto un protocollo d'intesa con il ministero della difesa per l'utilizzo del personale sanitario militare al fine di aumentare la vaccinazione a domicilio

Nella guerra al Covid-19 l’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria schiera l’Esercito. Lo scorso 31 gennaio, infatti, il commissario straordinario dell’ente di via Diana, Gianluigi Scaffidi ha firmato una deliberazione, na numero 87, con la quale si da forza all’operazione “Eos” attraverso la sottoscrizione di un protocollo d’intesa con il ministero della difesa per “il concorso di personale sanitario militare da impiegare in attività a domicilio” per la vaccinazione.

L’obiettivo dell’Asp, alla luce dell’attuale scenario pandemico, è quello di ampliare le attività delle operazioni vaccinali da effettuarsi a domicilio nel territorio della provincia di Reggio Calabria “con l’implementazione dell’operato del personale Asp presso i centri vaccinali a mezzo della collaborazione con il personale sanitario militare” al fine di incrementare il numero di dosi vaccinali somministrate ogni giorno a domicilio e nel rispetto con il piano vaccinale nazionale, soprattutto per quanto attiene le categorie prioritarie di somministrazione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nella guerra al Covid-19 l'Asp reggina schiera l'esercito

ReggioToday è in caricamento