Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Carabinieri "rovinano" festa di compleanno, scattano sanzioni fino a 10 mila euro

Nel fine settimana i militari della compagnia di Taurianova hanno intensificato i controlli del territorio, in manette sono finite anche tre rumene per furto aggravato, sequestrata una stalla abusiva di animali

I Carabinieri di Taurianova durante un controllo

Nel corso del fine settimana, sono stati intensi i servizi di controllo del territorio svolti dai Carabinieri della compagnia di Taurianova, per prevenire e reprimere i reati e gli illeciti in genere, con particolare attenzione alla criminalità predatoria, oltre che al fine di garantire il rispetto della normativa di contenimento dell’epidemia da Covid-19, soprattutto in questo delicato periodo in cui non bisogna sottovalutare l’aumento dei contagi.

In tale quadro, si inserisce l’attenta attività investigativa svolta in sinergia tra i Carabinieri della stazione di Taurianova e gli agenti del commissariato di Polistena, a seguito della quale hanno arrestato in flagranza per furto aggravato e continuato, tre donne di nazionalità rumena, residenti a Reggio Calabria, C. M., 38enne, I.E., 21enne e D.E., 34enne, con precedenti specifici per reati contro il patrimonio.

Nello specifico, gli operanti erano intervenuti all’interno di un noto centro commerciale, dopo essersi accorti di un’animata discussione in atto tra le donne e altre addette alla vendita e posti in essere gli immediati accertamenti per far luce su quanto accaduto, hanno potuto riscontrare di come le medesime si erano rese autrici del furto, avendo asportato con destrezza, all’interno dell’esercizio commerciale una trentina di capi d’abbigliamento, danneggiando il dispositivo antitaccheggio.

A seguito di controllo all’autovettura in uso alle stesse, gli inquirenti hanno, inoltre, rinvenuto oltre cento prodotti cosmetici, di bellezza e igiene, che sulla scorta di quanto emerso da attenta analisi dei sistemi di videosorveglianza, risultavano essere stati rubati nelle ore precedenti dalle stesse donne, presso un altro esercizio commerciale a San Ferdinando.

Una trasferta criminale, quindi, quella ingegnata dalle tre protagoniste nella Piana di Gioia Tauro – rivelatisi abili nel sottrarre prodotti anche costosi all’interno di negozi - nonostante l’obbligo di dimora cui erano sottoposte presso il comune di Reggio Calabria, non conclusasi grazie al tempestivo intervento dei militari.

Le donne sono state ristrette ai domiciliari in attesa di giudizio di convalida presso il Tribunale di Palmi, mentre la refurtiva, dal valore di circa 1.500 euro, è stata sequestrata per la successiva restituzione ai proprietari.   

Nel corso di mirati servizi svolti nei giorni scorsi, volti al controllo del rispetto delle normative nell’ambito della filiera agro- alimentare, invece, a Taurianova, i Carabinieri con il supporto dei militari della Stazione forestale di Cittanova, hanno denunciato in stato di libertà 4 persone e contestato sanzioni amministrative per i reati di smaltimento illecito di rifiuti, abusivismo edilizio oltre che per violazioni inerenti la mancata tracciabilità degli animali.

In particolare, a San Giorgio Morgeto, gli uomini dell’Arma hanno individuato una stalla all’interno di una azienda agricola, costruita abusivamente senza alcuna autorizzazione edilizia, con all’interno sette suini privi di qualunque marchio identificato e venduti al dettaglio a privati senza alcuna registrazione, autorizzazione e tracciabilità.  Riscontrato, oltretutto, che i liquami degli animali venivano smaltiti in modo illecito in un vicino corso d’acqua, con evidente pericolo per la salubrità dell’ambiente.

Per le violazioni riscontrate sono state, pertanto, contestate ai comproprietari sanzioni amministrative per oltre 4.000 euro.

In ultimo, sempre a Taurianova, nel contesto dei vari controlli finalizzati al rispetto della normativa anti-Covid, i Carabinieri hanno interrotto una festa organizzata per un 18esimo compleanno, a cui hanno preso parte diversi invitati oltre la cerchia dei normali conviventi, come nulla fosse in fatto di restrizioni anti- covid 19.

Nello specifico, ai militari, nell’eseguire un normale servizio di controllo del territorio, aveva destato particolare sospetto il concentramento di diverse auto in una zona periferica della città, da procedere a un immediato controllo all’interno di un’abitazione insita nelle vicinanze, constatando la presenza di circa una ventina di ragazzi, intenti nei festeggiamenti, la maggior parte dei quali senza i dispositivi di protezione individuale, tavolate imbandite con cibi e bevande e persino due animatori e dei vistosi fuochi pirotecnici che erano stati utilizzati poco prima.

Identificate tutte le persone presenti e contestate sanzioni amministrative per la violazione delle norme di contenimento del contagio, fino a circa 10.000 euro complessivi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carabinieri "rovinano" festa di compleanno, scattano sanzioni fino a 10 mila euro

ReggioToday è in caricamento