menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Controlli della Polfer

Controlli della Polfer

Il Coronavirus frena i reati in ambito ferroviario, ecco il bilancio della Polfer

Il compartimento regionale ha messo in campo 10.000 pattuglie e impiegato 800 agenti a bordo dei treni e disponendo numerosi servizi antidroga ed antiborseggio

Il compartimento della Polizia ferroviaria della Calabria, nel corso del 2020, ha messo in campo diecimila pattuglie, con un incremento significativo rispetto all’anno precedente, impiegando 800 agenti a bordo dei treni e disponendo numerosi servizi antidroga ed antiborseggio.

L’attività svolta ha portato all’arresto di 7 persone mentre 63 sono state indagate, con un incremento del 15% rispetto all’anno precedente. Incrementate anche le sanzioni amministrative, per un totale di 221, e i veicoli controllati, pari a 1.965.

Complessivamente, nel corso del 2020, sono state 66.730 le persone identificate, più di un sesto con precedenti penali o di polizia, con  un incremento rispetto al 2019 rispettivamente del 36% e del 27%.

I servizi antidroga, effettuati anche con l’ausilio di unità cinofile, hanno portato al sequestro di 715  gr. di sostanza stupefacente, mentre la costante presenza degli operatori negli scali ferroviari di pertinenza e sui treni scortati ha permesso di rintracciare 4 persone scomparse, di cui 1 minore.

La riduzione delle presenze negli scali ferroviari, legata anche alle misure introdotte per far fronte all’emergenza epidemiologica covid-19, ha determinato un calo generalizzato dei principali reati in ambito ferroviario. In particolare, i furti a bordo treno  hanno fatto registrare rispetto allo scorso anno un calo del 73% ed i furti di rame un calo del 53%.

L’attività di prevenzione eseguita in tutto il 2020 è stata intensificata con le giornate straordinarie di controllo sul territorio nazionale, in particolare con le operazioni  “Alto Impatto” e “Stazioni Sicure”, finalizzate al contrasto delle attività illecite che maggiormente si verificano  in ambito ferroviario.

Sono state predisposte operazioni coordinate a livello nazionale, quali “Rail Safe Day”, finalizzata a prevenire comportamenti impropri o anomali,  “Oro Rosso”, finalizzata al contrasto dei furti di rame,  e  “Action Week Merci pericolose”, finalizzata  al potenziamento dei controlli, nel trasporto ferroviario .

In ambito internazionale, il compartimento di Polizia ferroviaria ha partecipato al  “Rail Action Day”, organizzato al fine di prevenire possibili azioni terroristiche o eversive.

La Polizia ferroviaria è da tempo impegnata nelle scuole, con mirate campagne di educazione alla legalità, in particolare con il progetto “Train…to be cool”, per promuovere tra gli adolescenti la cultura della sicurezza in ambito ferroviario, a causa dei diversi episodi di giochi e sfide tra i ragazzi sui binari che avrebbero potuto avere conseguenze tragiche. Nel corso dell’anno scolastico  sono stati coinvolti negli incontri migliaia di studenti calabresi delle scuole medie e superiori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento