Cronaca Centro

Covid, al Grande ospedale metropolitano si è chiuso il primo ciclo di vaccinazioni

Sono state effettuate 1.504 vaccinazioni. Si sono verificati solo due casi di reazioni avverse, prontamente rientrati. Non si sono registrati, invece, casi di effetti collaterali

Un infermiere durante la vaccinazione di questi giorni

Si è chiusa al Grande ospedale metropolitano la prima sessione della campagna vaccinale anti Covid sui dipendenti dell'azienda e sul personale di supporto che, per l'esperimento dei propri compiti, frequenta abitualmente gli ambienti ospedalieri.

A darne notizia è la direzione generale del nosocomio reggino che riporta: "A fronte dei 1.250 consensi espressi dai dipendenti del Gom nei giorni precedenti l’inizio della campagna vaccinale, del 4 gennaio, dopo la giornata simbolica del 27 dicembre, sono state effettuate 1.504 vaccinazioni. Il numero maggiore giunge in ragione del fatto che alcuni dipendenti hanno scelto di aderire alla campagna rilasciando il formale consenso all’atto della registrazione, immediatamente prima di sottoporsi alla vaccinazione.

Ad un certo numero di persone, non consistente, è stata differita la somministrazione per motivi prudenziali in quanto da affetti da recenti episodi febbrili o altre patologie, ovvero perché da poco
sottoposti a vaccinazione antinfluenzale". 

Con le dovute cautele, l'ospedale spiega, inoltre, che "è stata data l'opportunità di vaccinarsi anche a quei dipendenti che presentavano relative controindicazioni, per la presenza di allergie e malattie autoimmuni attive e storia di crisi convulsive. Due dipendenti, in particolare, hanno ricevuto il vaccino in zona protetta, distesi in barella e con accesso venoso".

I dati della vaccinazione in Calabria

La sessione vaccinale è stata organizzata all'interno del presidio ospedaliero "Riuniti", in un unico ambiente suddiviso in sette postazioni di somministrazione dotato di un ampio spazio dedicato all’osservazione del vaccinando dopo l'inoculazione. E' stato utilizzato personale di vari reparti sotto il coordinamento del Covid manager, dott. Carmelo Mangano, e del direttore medico del presidio, dott. Antonino Verduci, supportato da tutta l'équipe della direzione del presidio. Tutte le operazioni di vaccinazione sono avvenute con presidi d’urgenza sempre pronti e costante osservazione medica.

"Si sono verificati - concludono dal Gom - solo due casi di reazioni avverse, prontamente rientrati. Non si sono registrati, invece, casi di effetti collaterali né immediatamente dopo la somministrazione né a distanza di giorni, fatto salvo l’indolenzimento della zona interessata che ha avuto durata di alcune ore e che è risultato piuttosto comune tra i soggetti sottoposti a vaccino.

Considerate le modalità per l'uso dei vaccini nonché l'esigenza di restituire il personale alle unità operative di appartenenza per garantire l'espletamento delle quotidiane attività assistenziali e, soprattutto, considerato l'elevato numero del personale ospedaliero raggiunto, si è stabilito di
proseguire le vaccinazioni nella seconda sessione, fissata per il 18 gennaio, data in cui dovranno essere effettuati i richiami per i vaccinati nel Vaccine-day del 27 dicembre".

I richiami

La somministrazione dei richiami dei vaccini eseguiti nella prima sessione avrà luogo nei giorni 25, 26, 27, 28 e 29 gennaio, con le stesse modalità organizzative tenute fino ad oggi, in modo da consentire la vaccinazione ai dipendenti "rinviati per motivi prudenziali nonché a tutti coloro che, a tutt'oggi, non hanno espresso il consenso. A questi ultimi il calendario operativo stabilito garantisce un'ampia scelta e all'Azienda consente la possibilità di raggiungere la massima percentuale
possibile di vaccinazione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, al Grande ospedale metropolitano si è chiuso il primo ciclo di vaccinazioni

ReggioToday è in caricamento