rotate-mobile
Lunedì, 8 Agosto 2022

Gira l'Italia in auto senza super green pass, bloccato agli imbarcaderi |VIDEO

La storia di Fabio Messina, agente di commercio di Palermo, che da ieri dorme in macchina a Villa San Giovanni. Dato mandato ad un avvocato per preparare un ricorso, lo sfogo: "Se ci fosse il ponte sarei già a casa"

Fabio Messina auto 2-2-2Fabio Messina è un agente di commercio di 43 anni che vive a Palermo. Da lunedì, però, nella sua Sicilia non ci è potuto ritornare, la può vedere solo dall’altra parte dello Stretto da dietro il parabrezza della sua autovettura che è diventata la sua casa improvvisata. Fabio Messina, come scrive la Repubblica, non si è vaccinato e, quindi, non ha il green pass rafforzato: l’unica chiave di accesso alla pancia dei traghetti che collegano Villa San Giovanni con Messina e con la sua Palermo.

Lui, giovane agente di commercio, con la sua autovettura ha girato l’Italia ed era convinto di poter fare rientro in Sicilia traghettando seduto sul sedile di guida della sua compagna a quattro ruote. La legge, invece, gli ha imposto uno stop. Il super green pass è obbligatorio per potersi imbarcare sui traghetti e muoversi fra le due sponde dello Stretto.

A Fabio Messina, quindi, non è rimasto altro da fare che dotarsi di un sacco a pelo e di un materassino (nella foto), dormire in auto e affidarsi alle cure di un avvocato per presentare un ricorso d’urgenza che gli consenta di superare quello che, per il momento, sembra insormontabile.

Fabio Messina ha scelto di non vaccinarsi, ma non si ritiene un no vax idelogico, è stato uno dei fondatori del movimento antiracket in Sicilia e si dice pronto a quella che ritiene una battaglia di principio: “Io ho percorso tutta l’Italia in macchina tranquillamente - dice a Repubblica - ma l’Italia finisce a Lampedusa e non in Calabria e non è possibile che a un cittadino che abita in Sicilia venga impedito di tornare a casa”.

Mentre si confida con noi Fabio Messina è in giro per Villa San Giovanni, sta facendo quattro passi nel grande centro commerciale dalle cui vetrate si intravede la sponda messinese della Sicilia, la notte l’ha passata dormendo dentro la sua automobile in sosta nel grande parcheggio degli imbarcaderi all’ingresso della porta calabrese sullo Stretto.

“In macchina posso andare fino ad Oslo ma non posso tornare a casa. Se ci fosse stato il ponte sullo Stretto - questa l’amara chiosa del giovane agente di commercio fermo sulla sponda calabrese fra Scilla e Cariddi - a quest’ora sarei già a casa”.Fabio Messina auto 1-2

Sullo stesso argomento

Video popolari

Gira l'Italia in auto senza super green pass, bloccato agli imbarcaderi |VIDEO

ReggioToday è in caricamento