menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mario Draghi

Mario Draghi

Bozza nuovo Dpcm Draghi: cosa si può fare e non fare dal 6 marzo al 6 aprile

La Calabria resta in zona gialla. In base alle regole che saranno definite va ricordato che gli spostamenti tra regioni sono sempre vietati. Scuole superiori, prorogata presenza al 50% fino al 13 marzo

Da lunedì 1° marzo le regioni italiane cambiano colore, con nuove regole e restrizioni su spostamenti e aperture di negozi, bar e ristoranti, per contenere la diffusione del nemico invisibile: il temuto Covid.

Passaggi di colore che non coinvolgono però la Calabria che resta in zona gialla. La nuova mappa delle regioni vede il passaggio in zona rossa di Basilicata e Molise e in zona arancione di Marche, Lombardia e Piemonte. C'è poi un'altra novità: passa infatti in zona bianca la Sardegna. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato ieri, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di regia, cinque nuove ordinanze.

Una di queste conferma per ulteriori quindici giorni per le regioni Abruzzo, Toscana, Umbria e per le province autonome di Trento e Bolzano, le misure disposte dall’ordinanza del 12 febbraio 2021. Queste regioni restano quindi in area arancione. La regione Liguria alla scadenza dell’ordinanza del 12 febbraio scorso passa in area gialla.

Complessivamente, quindi, la ripartizione nelle diverse aree in base ai livelli di rischio a partire dal 1° marzo 2021 è la seguente:

area gialla: Calabria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Puglia, Sicilia, Valle d’Aosta, Veneto;

area arancione: Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di Trento, Umbria;

area rossa: Basilicata, Molise;

area bianca: Sardegna.

Le scuole

Con la stabilità dei contagi in zona gialla per tre settimane consecutive, le attuali disposizioni sulle lezioni in presenza non dovrebbero cambiare. Quando il verbale del Cts sarà definito, sarà allegato uno studio dell'Iss, sul quadro dei contagi nelle scuole.

In Calabria, la didattica in presenza al 50% è stata prorogata al 13 marzo in tutte le scuole secondarie di secondo grado statali e paritarie, nelle scuole di istruzione e formazione professionale e nelle università. E' quanto prevede l'ordinanza firmata, ieri sera, dal presidente della Regione, Nino Spirlì, che ha disposto ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza Covid.

Nuovo Dpcm, cosa si può fare in Calabria

Intanto c'è attesa per il nuovo Dpcm di Mario Draghi. In base alle regole che saranno definite dal nuovo decreto è possibile riepilogare cosa si può fare e non fare dal 6 marzo fino al 6 aprile, ricordando che gli spostamenti tra regioni sono sempre vietati, i trasferimenti nelle seconde case sono ammessi solo nelle zone gialle e arancioni e che in automobile non si può salire in più di tre persone insieme.

Nella zona gialla: 

  • è in vigore il coprifuoco: si può uscire di casa dalle 5 alle 22, nei ristoranti e nei bar si può andare solo fino alle 18 e nei centri commerciali ci si può recare solo dal lunedì al venerdì; 
  • c'è la deroga per parenti e amici: si possono andare a trovare una volta al giorno, tra le 5 e le 22, due persone, oltre ai minori di anni 14 sui quali esercitano la potestà genitoriale;
  • è possibile andare dal parrucchiere o dal barbiere, nei centri estetici e nei parchi;
  • sarà possibile dal 27 marzo andare a cinema, a teatro e nei musei;
  • è possibile andare nelle seconde case se non si trovano in zona rossa; 
  • palestre, piscine chiuse.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento