rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
La solidarietà

Croce Valanidi, Usb: "Chiude centro educativo Lilliput"

"Non sono riusciti a superare lo scoglio di un regolamento assurdo che prevede una superficie minima di 10 metri quadrati per utente"

"Come federazione del sociale Usb di Reggio Calabria vogliamo ribadire la nostra solidarietà e vicinanza agli operatori del centro Lilliput, ai bambini e alle loro famiglie che perdono un servizio importante, ma anche a tutta la città di Reggio Calabria che con questa scelta, perché di questo si tratta, di una scelta, diventa ancor più povera".

Così i sindacalisti Usb reggini sulla chiusura della struttura che si trova nella frazione di Croce Valanidi.

"Un mese fa - ricordano - la storia del centro socio-educativo Lilliput, che dopo 22 anni di attività rischiava la chiusura, aveva attirato l'attenzione da parte dei media e dell'opinione pubblica e prodotto la consueta catena di attestati di solidarietà da parte delle diverse forze politiche, verso una affermata realtà sociale reggina e contro un regolamento regionale che di fatto impedisce alle piccole organizzazioni di poter sperare di essere accreditate per erogare servizi sociali nella nostra regione".

"Tra qualche tempo sapremo se anche questo sarà il futuro dei centri socio-educativi nel nostro territorio. Intanto - aggiungono dall'Usb - due delle tre realtà che gestivano questo servizio in città non sono riuscite a superare lo scoglio di un regolamento assurdo che, ricordiamo, prevede ad esempio una superficie minima di 10 metri quadrati per utente contro i 4 del Piemonte e i 5 della Lombardia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Croce Valanidi, Usb: "Chiude centro educativo Lilliput"

ReggioToday è in caricamento