Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Crollo del tetto alla "Calipari" aperta inchiesta, si attende la nomina di un perito | VIDEO

La Procura della Repubblica vuole capire le cause del cedimento ed individuare le responsabilità di quanto accaduto, la base di partenza saranno le relazioni dei vigili del fuoco che sono stati tra i primi ad intervenire

 

calipari-2Con ogni probabilità per stabilire le cause del crollo del tetto dell'auditorium "Nicola Calipari" verrà nominato un consulente tecnico, un perito specializzato nelle cui mani verrà affidato il compito di portare un poco di luce su un disastro strutturale che, se la sala fosse stata occupata per un evento, avrebbe potuto trasformarsi in una tragedia.

La Procura della Repubblica, presente sul posto con il magistrato di turno e su delega del procuratore Giovanni Bombardieri, ha avviato un'inchiesta che servirà a stabilire eventuali responsabilità sul crollo dell'imponente struttura. 

La base di partenza saranno le relazioni dei Vigili del fuoco che, tra i primi, sono intervenuti sul posto.

I vigili del fuoco hanno inviato sul posto un funzionario, una squadra, un’autoscala ed il nucleo cinofili. Giunti sul posto i vigili hanno constatato che l’intera copertura della sala era crollata. La copertura che aveva struttura portante in metallo si è accartocciata su se stessa cadendo all’interno dell’ampio locale.

Sin dai primi momenti gli operatori del 115 hanno accertato che la struttura al momento del crollo era chiusa, inoltre non risultavano dispersi; in ogni caso per, a scopo precauzionale, è stato fatto intervenite anche il nucleo cinofili. Le ricerche effettuate dai vigili hanno confermato che non nessuna persona era rimasta coinvolta dal crollo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ReggioToday è in caricamento