menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il materiale recuperato dai Carabinieri

Il materiale recuperato dai Carabinieri

Sorpreso a rubare pezzi di un'autovettura, arrestato un 25enne di Rosarno

I Carabinieri hanno sorpreso il giovane mentre stava asportando le barre portatutto da un'autovettura in sosta nei pressi della stazione ferroviaria di Scilla

Furto aggravato, è questa l’accusa dalla quale dovrà difendersi M.A., 25enne di Rosarno, che è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Villa San Giovanni. Il giovane è stato sorpreso con le barre portatutto appena asportate ad un’autovettura in sosta nei pressi della stazione ferroviaria di Scilla.

In particolare, nella scorsa settimana i Carabinieri della Stazione di Scilla venivano a conoscenza di alcuni furti perpetrati da soggetti ignoti a danno di autovetture in sosta in diverse zone della cittadina della Costa Viola.

Immediate sono iniziate le attività di indagine e, in pochissimi giorni, gli investigatori sono riusciti a raccogliere informazioni tali da restringere inequivocabilmente il cerchio intorno ad un possibile indiziato. Dopo aver analizzato e compreso pienamente il suo modus operandi, gli operanti hanno avviato un apposito servizio di osservazione e, dopo poche ore, sono riusciti a far scattare la trappola nei confronti dell’uomo. 

Infatti, i militari hanno sorpreso M.A., 25enne di Rosarno, incensurato, immediatamente dopo che lo stesso aveva rubato due barre portatutto dal tetto di un’autovettura in sosta nei parcheggi antistanti la stazione ferroviaria di Scilla. 

Successivamente, è stata anche effettuata un’estesa operazione di perquisizione presso l’abitazione di residenza del prevenuto e, in un garage a lui in uso e posto poco distante dall’abitazione, i militari dell’Arma hanno rinvenuto altre barre portatutto, stereo di serie di autovetture, coppe copricerchi e una cappelliera interna da autovettura. 

Il materiale, di cui si sospetta l’illecita provenienza, è stato sottoposto a sequestro. L’arrestato è stato trattenuto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari fino al giudizio direttissimo che è stato celebrato lunedì mattina, al termine del quale l’uomo è stato sottoposto all’obbligo di presentazione presso la polizia giudiziaria.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Stanchezza primaverile? Sintomi e rimedi naturali

Cura della persona

Trattamenti estetici per ciglia: la parola al dermatologo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ReggioToday è in caricamento