Emergenza Coronavirus, Reggio Calabria è in zona rossa: pochi i negozi aperti per protesta

Poche le persone per strada. Bar e pasticcerie, hanno bloccato i loro ingressi, si può ordinare dall'esterno per l'asporto. L'Atam ha limitato la capienza dei propri bus al 50%

La via Marina

Reggio Calabria si è svegliata nella zona rossa, decisa dal Governo per contenere e arginare il Coronavirus. 

Pochi i commercianti che hanno deciso di violare le rigide restrizioni del lockdown. Alcuni, la cui categoria merceologica rientra tra quelle alle quali il Dpcm Conte ha imposto la chiusura, hanno deciso lo stesso di alzare le saracinesche dei loro locali ed aprire al pubblico.

I reggini hanno sostanzialmente rispettato il provvedimento del governo, mentre in tutta la città, le forze dell'ordine hanno garantito la sicurezza e il rispetto degli spostamenti per comprovate necessità.

Bar e pasticcerie, hanno bloccato i loro ingressi: è vietato entrare, ma si può ordinare all'entrata per poi consumare tutto comodamente a casa. 

Da questa mattina l'azienda di trasporto pubblico locale, l'Atam, in ottemperanza al Dpcm del 4 novembre 2020, e fino a nuove disposizioni, nell'ambito delle misure urgenti per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica, ha limitato la capienza dei propri bus al 50% che stanno circolando con pochissima gente a bordo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Guido Longo verso la Calabria, primo obiettivo: riaprire gli ospedali chiusi

  • Lavori sulla linea ferroviaria jonica, operaio muore nei pressi della stazione di Condofuri

  • Ospedali e Covid, l'allarme di Amodeo: "Asp reggina impermeabile a ogni proposta"

  • Reggio e la Calabria in zona arancione da domenica 29 novembre: ecco cosa cambia

  • Verso il 25 novembre, Maria Antonietta finalmente lascia il Gom e torna a casa

Torna su
ReggioToday è in caricamento