Comunali, Davi sbotta: "Le elezioni a Reggio sono state inquinate, vanno annullate"

L'ex candidato a sindaco e massmediologo non ci sta e in seguito "all'inchiesta della Procura per i presunti voti fittizi", incalza: "Consiglio delegittimato"

Un seggio elettorale

"Le elezioni a Reggio Calabria sono state inquinate da manipolazioni che noi stessi abbiamo denunciato per primi durante la campagna elettorale. Parliamo delle testimonianze raccolte in diretta ad Arghillà di cittadini che, davanti alle telecamere, hanno svelato senza infingimenti che sono stati loro offerti dei soldi in cambio di voti".

E' quanto dichiara l'ex candidato a sindaco di Reggio Calabria, Klaus Davi che rincara "noi abbiamo denunciato le matite farlocche utilizzate nei seggi ad Archi ad urne ancora aperte. Noi abbiamo denunciato i dipendenti del comune di Reggio e i consiglieri di Falcomatà che facevano le milizie davanti ai seggi per inquinare il voto.

Noi abbiamo denunciato l'indolenza e l'ambiguità della commissione elettorale che ha veicolato per settimane comunicati con risultati incredibilmente rivelatisi inattendibili (cosa gravissima e mai chiarita) per poi smentire tragicomicamente se stessa. Noi abbiamo parlato dell'ombra lunga di Luca Palamara su questo voto.

Noi abbiamo documentato, ancora nella giornata di ieri, il caos incredibile degli scrutini più vergognosi d’Italia caratterizzati da errori di aritmetica, registri in bianco, voti aggiunti o tolti senza alcuna logica e senza rispetto della volontà popolare". 

Adesso incalza Davi "a questo obbrobrio si aggiunge l’inchiesta della Procura per i presunti voti fittizi di anziani che non sono mai andati a votare. Al netto delle responsabilità che sono da dimostrare, il dato politico che emerge è che queste elezioni sono inquinate da una cialtroneria organizzativa del comune senza pari, da sciatteria, superficialità e miopia della commissione elettorale che invece di fare chiarezza ha alimentato la confusione, dalla diffusione di dati ingannevoli da parte di un organo che avrebbe dovuto essere di garanzia e da un voto di scambio che potrebbe aver inciso anche sugli equilibri fra le varie liste e i vari candidati.

L'unica cosa da fare, ora che abbiamo notizia ufficiale della meritoria inchiesta della Procura, è annullare queste elezioni e farci tornare al voto. Per il bene della reputazione dei presìdi dello Stato, che non sempre hanno vigilato come avrebbero dovuto, e per il bene dei cittadini di Reggio, che meritano un consiglio comunale, una giunta e un sindaco avallati democraticamente da un voto pulito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Coronavirus, la Calabria resta in zona rossa: nuova ordinanza del ministro Speranza

  • Un malore stronca un anziano sul centralissimo Corso Garibaldi

  • Birre al bergamotto e all’estratto di olive conquistano il palato e fanno bene alla salute

  • Le menti del "Farmabusiness" avevano puntato anche la Città dello Stretto

  • Pioggia e vento su Reggio Calabria, allerta meteo arancione: il Comune attiva il Coc

Torna su
ReggioToday è in caricamento