Cronaca

Elezioni regionali, l'accorato appello delle associazioni culturali al Presidente Mattarella

Secondo le associazioni e Pino Bova, presidente del Rhegium Julii: "A nessuno può sfuggire l’importanza di questo passaggio in un momento così complesso ed impegnativo della vita sociale"

Sergio Mattarella

Le elezioni regionali si avvicinano a grandi passi. Considerata l'emergenza sanitaria e la situazione che la Calabria vive quotidianamente le associazioni culturali della regione hanno deciso di rivolgere un accorato appello al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

"La pandemia ha messo a dura prova il sistema sanitario nazionale, ma la Calabria è divenuta inizialmente zona rossa non per la diffusione dei contagi, bensì per le mancanze strutturali dei propri servizi sanitari già collassati dopo oltre dieci anni di gestione dei commissari governativi. Riteniamo importante sottolineare come la crisi sanitaria calabrese non è casuale.

E’ innanzitutto l’esito di politiche volte al progressivo “smantellamento” dei presidi sanitari territoriali pur dotati di eccellenti professionalità mediche; è anche conseguenza di una cattiva gestione strutturale e amministrativa, ma si configura oggi - cosa più grave - come il paradigma di un rapporto tra lo Stato, la Calabria e il Sud d’Italia più in generale che si è manifestato inadeguato e spesso punitivo.

Tale situazione è divenuta ormai insostenibile ed esige oggi una decisa inversione di tendenza per assicurare una più giusta valorizzazione delle risorse e delle capacità di questi territori e, soprattutto, per mettere fine alle generalizzate diseguaglianze regionali, a partire dalla attuale, iniqua, ripartizione della spesa pubblica tra regioni del Paese, che la stessa Commissione Europea ha di recente dichiarato inaccettabili.

Ella sa, signor Presidente, da italiano di origini siciliane, che la questione meridionale non può essere assimilata ad una questione criminale, dal momento che la necessaria azione di prevenzione e contrasto della criminalità organizzata non può avere successo se non viene accompagnata da adeguate politiche di sostegno delle tante intraprese produttive, culturali e formative che hanno resistito all’urto del malgoverno e della corruzione guardando oltre, in direzione del Mediterraneo e dell’Europa.

E sa che la riqualificazione e il potenziamento delle reti infrastrutturali e il sostegno all’ innovazione e alla modernizzazione sono indispensabili per arrestare la diaspora dei nostri giovani, in gran parte laureati, e porre un argine al pericoloso aumento della povertà della popolazione residente, in particolare nelle aree urbane".

In questo contesto continua l'appello "i calabresi saranno chiamati a rinnovare il proprio Consiglio regionale e ad eleggere il presidente della giunta. A nessuno può sfuggire l’importanza di questo passaggio in un momento così complesso ed impegnativo della vita sociale. Tutti siamo interessati a far emergere, attraverso il libero confronto tra forze politiche ed attraverso il voto, le migliori capacità di autogoverno e, anche per questa via, assicurare e rinnovare la “sovranità democratica” della Repubblica in Calabria.

Ma i calabresi si apprestano a votare in periodo di pandemia e di difficoltà diffuse che si stanno progressivamente aggravando, con la metà dei giovani (15-30 anni) che non lavora, con un indice complessivo della disoccupazione del 21% (tra i più alti delle regioni europee) e con un astensionismo registrato nelle elezioni regionali del 2019 pari al 56% degli aventi diritto al voto. Una combinazione di fattori critici che rischia di allontanare ulteriori fasce di popolazione dalla partecipazione democratica e favorire la pratica inaccettabile del voto di scambio.

Diventa, dunque, cruciale la funzione dei partiti politici nella selezione dei candidati. Essi dispongono di norme, come il codice di autoregolamentazione sulle liste dei candidati recentemente aggiornato dalla Commissione parlamentare antimafia, volte a tutelare il profilo etico delle proprie rappresentanze. Ma ciò non basta. Chi sarà chiamato a governare questa regione dovrà affrontare ataviche emergenze strutturali e, al tempo stesso, dovrà proporre soluzioni per uscire dall’emergenza con il pensiero rivolto al futuro.

C’è bisogno allora di competenze, di condivisione d’intenti, di solidarietà, di rispetto dei ruoli e delle differenze di opinione, di collaborazione tra i diversi livelli istituzionali e di un forte richiamo ad un rinnovato spirito di unità democratica".

"Prospettiamo - scrivono le associazioni -quindi alla sua attenzione l’opportunità di far pervenire, sin da subito, ai partiti politici ed ai loro responsabili nazionali  - nelle forme e con le modalità che riterrà più opportune - un invito a considerare l’appuntamento delle prossime elezioni regionali della Calabria, non un’occasione di “conquista” da far pesare negli equilibri di potere, ma un appuntamento decisivo per esprimere programmi e candidati all’altezza del governo di una comunità regionale che vuole recuperare al più presto condizioni di normalità e fornire, grazie alle proprie risorse umane e materiali ed alla sua centralità nel Mediterraneo, un autonomo contributo allo sviluppo dell’intero Paese. Siamo parte di una realtà regionale che esprime grandi fermenti culturali, notevoli livelli di professionalità, importanti doti di solidarietà ed altruismo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni regionali, l'accorato appello delle associazioni culturali al Presidente Mattarella

ReggioToday è in caricamento