rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Il report

Errori giudiziari, a Reggio 82 persone risarcite per ingiusta detenzione

Per l’importo degli indennizzi stanziati al primo posto c’è la Corte d'appello per 8.019.396 euro. I dati forniti da Ciambriello, portavoce nazionale della Conferenza dei garanti territoriali delle persone private della libertà personale

"Dal 1991 al 31 dicembre 2023 i casi tra gli errori giudiziari e le vittime di ingiusta detenzione sono stati 32016, in media poco più di 960 persone l’anno".

A dirlo è Samuele Ciambriello, garante campano delle persone private della libertà personale e portavoce nazionale della Conferenza dei garanti territoriali delle persone private della libertà personale.

"Quasi nessuno in Italia parla degli errori giudiziari. Ma quanti sono? Quante persone finiscono in carcere o agli arresti domiciliari, salvo poi rivelarsi innocenti? E quanto spende lo Stato per risarcire queste persone per ingiusta detenzione? Bisogna distinguere i casi di indennizzo per ingiusta detenzione da quelli di risarcimento derivante da errore giudiziario".

Quest’ultimi non costituiscono oggetto di studio dei dati forniti oggi. Al primo posto la Corte di Appello di Reggio Calabria con 82 ordinanze di pagamento per riparazione per ingiusta detenzione nel 2023, a seguire Roma con 59 ordinanze, Catania con 53 così come la Corte di Appello di Palermo, Catanzaro 52 ordinanze, Napoli con 43 ordinanze, e Salerno con 16 ordinanze.

Per l’importo degli indennizzi stanziati per queste persone al primo posto c’è la Corte di appello di Reggio Calabria per 8.019.396 euro, Palermo con 3.845.580 euro, Roma 2.626.240 euro, Catanzaro 2.129.959 euro, Catania 1.565.935 euro, Lecce 1.179.757 euro, Napoli 955.099 euro e Salerno 761.394 euro.

"L’importo complessivamente versato nel 2023 a titolo di riparazione per ingiusta detenzione in tutta Italia risulta pari a 27.844.794 euro ed è riferito a 619 ordinanze con le quali le Corti di Appello hanno disposto il pagamento" spiega Ciambriello.

"Sono numeri shock quindi ogni giorno 3 persone finiscono in galera senza colpa, anni di libertà rubati dalla giustizia italiana. Una riflessione, per interventi efficienti di prevenzione, superando una visione carcere-centrica è più che mai doverosa e necessaria. Sul carcere servono interventi urgenti qui e ora", conclude il garante Ciambriello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Errori giudiziari, a Reggio 82 persone risarcite per ingiusta detenzione

ReggioToday è in caricamento