rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
I protagonisti

Al via gli esami di Stato, ecco i maturandi della generazione Covid

Parlano i ragazzi del liceo classico Tommaso Campanella, dello scientifico Da Vinci e dell'istituto tecnico Piria dopo aver sostenuto la prova d'italiano

Dopo due anni in cui la maturità è stata svolta solamente con le prove orali, a causa della pandemia da Covid 19,  oggi i ragazzi sono tornati sui banchi di scuola per la prima prova dell'esame più temuto. Stamattina i maturandi sono entrati a scuola alle 8,30 per la prova scritta di italiano: sette le tracce assegnate ed il candidato può sceglierne una. 

Tra i maturandi 2022 c'è chi è molto arrabbiato per questo ritorno agli esami scritti e prima di entrare a scuola sussurra "anche noi abbiamo subito per due anni la pandemia, e anche quest'anno scolastico è stato molte volte in dad. Dovevamo fare solo un esame orale e non di certo anche due prove scritte". 

La maturità, con il suo rigido esame, è un po' un rito di passaggio, verso l'età adulta, ma loro, i ragazzi del 2003, quelli della generazione Covid sanno di aver perso gli anni più belli sui banchi di scuola. Anni chiusi in casa per la paura del Covid. La generazione della maturità 2022 è quella che ha attraversato tutta la pandemia: il primo lockdown quando erano al terzo anno, con un quadrimestre intero a studiare da casa in didattica a distanza, dietro lo schermo del computer o del telefonino seguendo i professori da casa; ancora in dad l'anno successivo per alcuni mesi e le quarantene per il virus che ha colpito molti di loro tra dicembre e febbraio della quinta superiore. Si ritrovano a sostenere un esame che intende segnare il ritorno alla normalità (o quasi) con il ripristino dei due scritti.

Adesso è tempo solo di pensare al compito di italiano e alla traccia da scegliere. Il ministro Bianchi pochi giorni fa ha annunciato che "saranno tracce ragionevoli", ed allora eccoli i ragazzi pronti a scrivere. Niente vocabolario sotto braccio ma solo il proprio "bagaglio di sapere". I ragazzi del 2003 infatti, abituati ad essere sempre connessi con la rete internet, hanno perso, in molti, l'abitudine di cercare le parole e verificare anche l'ortografia. 

Maturita 2022_Pratico_classico-2Sei ore di tempo, quindi fino alle ore 15,  per realizzare l'elaborato scritto e così prima del tempo finale ecco che dal cancello dello storico liceo classico Tommaso Campanella esce Sara Praticò, quinta B molto tranquilla e sorridente. "Dopo due anni pandemia è difficile ricominciare come prima, ma è andato tutto bene, le tracce erano abbastanza semplici. Ho svolto una traccia di testo argomentativo. Il mio sogno è studiare lingue e diventare mediatore linguistico". 

Maturita 2022_De Cunto_Piria-2All'istituto tecnico Piria sono usciti anche molti ragazzi prima delle ore 13. Stanchi, sigaretta in mano e voglia di confrontarsi tra loro sulla prova appena conclusa. Angelo Decunto, della quinta C, ha scelto la traccia di attualità, il covid, "visto gli ultimi due anni c'è sttao molto di cui parlare".

Maturita 2022_Galimi_Piria-2Compagni di classe di Angelo, sono Giuseppe Musolino, Simone Galimi, Daniele Galimi, (nella foto), e Marco Minuto.  "Ho fatto la traccia sui social - dice Giuseppe Musolino -, erano tutte belle ma ho preferito questa. La notte scorsa ho dormito, non sono stato molto agitato per questa prima prova, temo di più quella di domani quando dovrò fare il compito di economia aziendale". "Sogno di diventare un ingegnere informatico - aggiunge Daniele Galimi e spero che vada tutto bene".

Maturita 2022_Marino_scientifico-2"Ci difendiamo bene, abbiamo studiato e siamo pronti. Io ho scelto la traccia su Giovanni Verga era un argomento che ho approfondito molto. Dopo gli esami spero di riuscire a studiare medicina, mi piacerebbe fare il medico", afferma Federico Marino della quinta r del liceo scientifico Da Vinci.

Maturita 2022_studenti 02-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via gli esami di Stato, ecco i maturandi della generazione Covid

ReggioToday è in caricamento