Domenica, 14 Luglio 2024
Le precisazioni

Lavori ex Fiera Agrumaria, la Tecnoappalti Italia replica alla Marcianò

Parla Herbert Catalano titolare della ditta aggiudicataria dei lavori di riqualificazione dell’area

In merito alle dichiarazioni della consigliera comunale Angela Marcianò, il titolare della ditta Tecnoappalti Italia Srl, aggiudicataria dei lavori di  “riqualificazione dell’area ex Fiera Agrumaria” signor Herbert Catalano ha inviato a Reggio Today, attraverso il suo legale avvocato Marco Gentile, una replica.

Di seguito riportiamo integralmente il contenuto: 

"Spett.le Giornale,
sono il Sig. Herbert Catalano, titolare della ditta aggiudicataria dei lavori “riqualificazione dell’area ex Fiera Agrumaria”. Ho letto l’articolo pubblicato dalla Vostra testata giornalistica e, con immenso stupore e sorpresa, ho appreso quanto fatto dalla Consigliere Angela Marcianò. Visto il post diffamatorio rivolto principalmente all’amministrazione e, di riflesso, anche alla mia azienda, devo contestare tutto quanto affermato perché falso e tendenzioso. In particolare, tengo a precisare che l’ex fiera agrumaria, alla data di consegna dei lavori (venerdì 12/1/24) era infestata dalla vegetazione e, come prima attività l’impresa da me amministrata ha proceduto alla cantierizzazione dell’area (predisposizione delle recinzioni, delle segnaletiche nonché della pulizia esterna e sfalcio erba) il lunedì successivo, ovvero il 15 gennaio u.s..

Dal primo accesso in cantiere non è emersa, come affermato dal Consigliere di opposizione, la presenza massiccia di amianto, atteso che gran parte dell’area dell’ex fiera agrumaria non è edificata e l’attività della mia azienda si è svolta esclusivamente all’esterno delle strutture (di cui solo una, a vista, appare presumibilmente realizzata con il soffitto in parte di amianto cemento, di cui però occorrerà comunque fare la caratterizzazione prima di poterlo affermare con certezza).

Tengo altresì a precisare che il video e le foto eseguite per conto del Consigliere Marcianò dal Consigliere Abbate (introdottosi arbitrariamente nel cantiere e subito allontanato dal personale dell’azienda) sono state eseguite il 17 gennaio alle ore 14, dunque solo dopo 2 giorni lavorativi quando ancora non era stata delimitata interamente la grande area oggetto di intervento. Appare dunque sorprendente la tempestività dell’operato dei Consiglieri di opposizione che, solo oggi, espongono all’opinione pubblica il problema amianto di tutta l’area di Pentimele cercando di offendere e denigrare, unitamente all’amministrazione, la mia azienda.

Posso comprendere bene il gioco dei ruoli che oggi vede il Consigliere Marcianò accanirsi contro l’amministrazione per trarne beneficio elettorale, ma non posso giustificare l’aggressione verso chi del proprio lavoro ne fa un vanto. Affermare che le imprese che eseguono i lavori ricevano “elargizioni” è altamente lesivo della dignità e professionalità nonché contrario ai principi etici miei e della mia azienda.

La mia azienda lavora in tutta Italia col pubblico e col privato per via dell’alta professionalità (con personale in maggioranza di origini reggine e con macchinari all’avanguardia) e, l’affermazione della Consigliere di ricevere elargizioni, oltre ad essere falsa, è altamente lesiva dell’immagine mia e della mia azienda per cui provvederò a tutelarmi nelle sedi opportune”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori ex Fiera Agrumaria, la Tecnoappalti Italia replica alla Marcianò
ReggioToday è in caricamento