Lunedì, 15 Luglio 2024
Il focus

La polizia locale traccia il bilancio e presenta la festa regionale

Brunetti: "Presto arriverà nuovo personale per il corpo, 18 militari in più assunti da concorso, e altre 14 unità con fondi ministeriali per formazione lavoro"

C'è tutto l'orgoglio di essere riusciti a portare la prima festa regionale della Polizia locale a Reggio Calabria, nel giorno di San Sebastiano, patrono dei Vigili Urbani d’Italia. Nella sala del Comando, sul viale Aldo Moro, ci sono i sindaco facente funzioni Paolo Brunetti, il sindaco facente funzioni della Città metropolitana Carmelo Versace, l'assessore comunale Giuggi Palmenta e il delegato della Metrocity Salvatore Fuda e poi loro, i comandanti del corpo di polizia Francesco Macheda per la Città metropolitana e Salvatore Zucco per il Comune. 

La festa regionale

Si attende domani quando, alle 9, si darà il via a questa festa che è stata fortemente voluta e che il Comitato di coordinamento ha deciso di concedere a Reggio Calabria. A Piazza Italia ci sarà il raduno e poi via a Palazzo Alvaro per la premiazione di 21 comandi di tutta la Calabria che si sono distinti per il lavoro svolto, anche in termini numerici durante l'anno della pandemia, il 2020, saranno poi ricordati i caduti con una corona deposita al Munumento in via Marina e infine in Cattedrale per la concelebrazione solenne presieduta dall'arcivescovo Morrone. 

E' un momento di festa ma, alla vigilia, anche occasione per analizzare il lavoro svolto dalla polizia locale. Tracciare un bilancio e segnare il percorso da fare. Così ecco che è il sindaco Brunetti a ringarziare, prima di tutto, gli operatori che "sono ogni giorno in prima linea e rappresentano l'avamposto dell'amministrazione raccogliendo segnalazioni, spesso proteste per i disservizi". 

Poi aggiunge: "Siamo in dirittura d'arrivo: presto arriverà nuovo personale per il corpo di polizia municipale. 18 militari in più assunti da concorso, e altre 14 unità con fondi ministeriali per formazione lavoro".  

L'assessore Palmenta sottolinea che "si sta lavorando per contrastare l'abbandono illecito dei rifiuti. Così come abbiamo fatto nello scorso anno, anche per il 2023 ci siamo dati questo obiettivo e lo perseguiremo con tutte le forze" ed ha evidenziato: "la connotazione ancora più sociale che si è voluta dare alla Polizia municipale", ricordando l'organizzazione della Giornata della legalità o l'evento, tenutosi al teatro Cilea, rivolto ai giovani per sensibilizzarli sui temi dell'educazione civica e stradale.

Carmelo Versace ricorda che serve la "collaborazione dei cittadini per raggiungere importanti traguardi e per questo occorre partire dalla scuola per educare alla legalità. Come Città metropolitana abbiamo dichiarato guerra a chi abbandona i rifiuti in strada ma vinceremo non solo attraverso la repressione  e con le sanzioni ma attraverso la cultura della legalità".  

Lo sottolinea anche il delegato Fuda che evidenzia: "Anche se siamo sotto organico come polizia metropolitana abbiamo fatto un buon lavoro. L'obiettivo politco che ci siamo dati per il prossimo anno è quello di riuscire sempre più a specializzare la polizia metropolitana nel settore ambientale".

Il dirigente e comandante Francesco Macheda, dopo aver presentato i vari momenti che, nella giornata di domani, caratterizzeranno la Prima festa regionale delle Polizie locali rimarca l'importanza di avere a Reggio la prima festa regionale.

Il bilancio annuale

E' Salvatore Zucco a tracciare il bilancio delle attività svolte dalla polizia municipale nell'anno appena trascorso. Dice Zucco: "Abiamo avviato due nuove attività in attuazione del nuovo funzionigramma di settore che hanno certificato la capacità di adattarsi ai cambiamenti organizzativi: il servizio ciclomontato e l’implementazione del N.I.C. (Nucleo Investigativo Centrale).  

Il bilancio operativo del 2022 da conto proprio dell’impegno costante profuso in h 24 per 365 giorni all’anno, dalle donne e dagli uomini del Comando, nonostante le criticità di un organico sempre più asfittico, al limite della sopravvivenza che annovera (137 unità di polizia e 14 amministrativi/tecnici. Registriamo nel 2022 una crescita esponenziale di numerose attività operative.

Aumentano purtroppo anche gli incidenti stradali che a fronte degli 839 del 2021 tornano a sfondare quota 900; 933 per la precisione comunque in aumento anche rispetto al dato pre covid del 2019 (891). Una soltanto la vittima in netta diminuzione rispetto allo scorso anno quando erano state 3. Oltre il 10 % dei conducenti dei 345 sinistri con lesioni è risultato in stato di alterazione da ebbrezza alcolica o da sostanze psicotrope".

"Sul campo della vigilanza stradale, - continua Zucco - si registrano 66329 infrazioni al codice della strada in diminuzione rispetto allo scoro anno di circa il 9%. I documenti per la circolazione ritirati sono in totale sono 238 dei quali patenti 162 patenti e 77 carte di circolazione Quasi 200 i sequestri amministravi di veicoli. L’introito di cassa complessivo da sanzioni al Codice della Strada è stato di € 3.082.330,00. Il servizio di polizia stradale si è reso anche parte attiva anche nell’attività investigativa, implementando diverse attività di polizia giudiziaria; per tutte le dieci persone denunciate per presunti incidenti falsi e per tesserini disabili falsificati.

Di particolare rilevanza i servizi massivi notturni, con controlli anti alcol ed antidroga, che hanno consentito di attenzionare con precursori etilometrici e con drug-test 1243 conducenti accertando complessivamente oltre 40 infrazioni per guida in stato di ebbrezza. Il servizio di polizia stradale ha impattato in maniera professionale e sicura le modifiche della viabilità cittadina garantendo un presidio della città al fine di agevolare la fluidità del traffico veicolare. 

Trascurabile il contenzioso con un totale di 600 ricorsi avverso gli atti contravvenzionali, pari a meno dell’uno percento di quelli prodotti. Le aliquote dei servizi operativi hanno svolto numerosissime attività , con outpouts di produttività altrettanto performanti. In particolare l’attività di  Polizia giudiziaria, sviluppata dall’apposito ufficio e dalle altre specialità del Corpo, ha fatto registrare numeri imponenti".

"Il N.I.C. (Nucleo Investigativo Centrale), neonata articolazione alle dirette dipendenze del comandante, ha scatenato una guerra senza quartiere alla piaga dell’abbandono di rifiuti, inanellando obiettivi di perfomance mai raggiunti in subiecta materia. Grazie alla sapiente regia della Procura della Repubblica, cui va il più sentito ringraziamento per la certosina ed instancabile attività di direzione, un manipolo di agenti ed ufficiali hanno setacciato le aree più degradate della città, denunciando all’autorità giudiziaria 27 persone, delle quali 4 destinatarie di applicazione di misura cautelare personale segnalando numerose ditte, ed accertando circa 2800 illeciti amministrativi per un importo complessivo di circa 1.700.000,00 euro. 

Numeri mai raggiunti per la polizia giudiziaria, - spiega Zucco - che con 16 arresti, 323 notizie di reato per un totale di 367 persone denunciate ed oltre 170 deleghe di indagine, assurge ad interlocutore privilegiato dell’Autorità giudiziaria per numerose fattispecie di reato; non solo di stretta pertinenza della polizia locale".

"La vigilanza edilizia e quella ecologica hanno trovato anch’esse nuova verve con numeri molto importanti, anche grazie alla preziosa attività prestata dall’aliquota distaccata presso la sezione di polizia giudiziaria presso la Procura della Repubblica.

Si annoverano infatti 73 deleghe di indagine espletate per l’A.G., oltre 200 sopralluoghi e 19 notizie di reato. L’ufficio ambiente e polizia informativa si è prodigato in maniera egregia, accertando numerosi abbandoni di rifiuti contra legem, svolgendo un’ attività incessante che ha consentito di individuare quattro discariche abusive, elevare 137 infrazioni di natura amministrativa, di trasmettere all’autorità giudiziaria circa 60 notizie di reato per un totale di 84 persone denunciate per vari reati di natura ambientale ed occupazione di immobili abusivi, in oltre 300 sopralluoghi L’attività di polizia amministrativa e commerciale, pur ridimensionata numericamente, attraverso periodiche verifiche e controlli delle attività commerciali itineranti e fisse ha prodotto numeri di valore assoluto.

Per tutti, i 297 verbali amministrativi, con in totale oltre 30.000 pezzi di merce sequestrata o rinvenuta ( 47 i sequestri amministrativi), per mancata certificazione di marcatura europea, falsificazione di marchi, mancanza di indicazioni in lingua italiana, e circa 7 quintali di derrate alimentari sequestrate. Sono stati 12.000 i pezzi di fuochi di fuochi pirotecnici - conclude il comandante Zucco -  sequestrati durante le festività natalizie per non conformità agli standard di sicurezza previsti per la detenzione e la mancata certificazione CE".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polizia locale traccia il bilancio e presenta la festa regionale
ReggioToday è in caricamento