Fiera del turismo, Falcomatà: "Investire al massimo sulle nostre potenzialità"

Il sindaco ha parlato direttamente dallo stand reggino dell'evento romagnolo. La rassegna turistica ha ospitato 3 mila imprese all'interno della "Ttg Travel Experience"

Il sindaco Giuseppe Falcomatà allo stand di Reggio Calabria

Migliaia di operatori mondiali del turismo si sono dati appuntamento a Rimini per la "Ttg Travel Experience", evento inserito all'interno della Fiera del turismo. L'iniziativa ha coinvolto ben 3 mila imprese, presenti in diversi stand, tra cui anche la zona dedicata alla Città metropolitana di Reggio Calabria. Con l'obiettivo generale di far conoscere le destinazioni di maggiore spicco del proprio territorio, anche il sindaco Falcomatà è intervenuto alla manifestazione, ribadendo la volontà di voler "emozionare le persone pronte a vivere un’esperienza unica".

"Un’opportunità unica – ha proseguito il primo cittadino direttamente dallo stand reggino - che ci da la possibilità di attirare l’attenzione di enti del turismo, tour operator, agenzie di viaggi, compagnie aeree, imprese impegnate nel settore dei trasporti, delle strutture ricettive, dei servizi per il turismo, della tecnologia e delle soluzioni innovative. Insomma, una pletora di potenziali investitori che hanno bisogno di essere guidati fra le meraviglie che si snodano lungo tutto il comprensorio metropolitano. Per farlo non dobbiamo mai perdere di vista due parole d’ordine: sinergia e territorio. La prima, deve necessariamente convogliare verso un unico obiettivo le istituzioni, ovvero enti e associazioni a tutti i livelli. E’ indispensabile condividere strategie comuni di sviluppo anche alla luce dei nuovi scenari istituzionali come la nascita della Città metropolitana, l’Ente Parco e la Camera di Commercio inseriti in statuto."

"Per quanto attiene il territorio - aggiunge Falcomatà – sono imprescindibili strumenti di pianificazione che camminino sui binari della mobilità e della strategia. In questo senso, il marketing territoriale s’inserisce come strumento più che utile. Nella nostra azione di governo, teniamo in forte considerazione gli studi prodotti dai nostri uffici, in particolar modo dal Settore diretto dalla dottoressa Giuseppina Attanasio, che puntano ad analizzare il territorio ed i bisogni di turisti e viaggiatori. Così, si è pensato di dividere l’area metropolitana in cinque fasce che, per identificarle meglio, abbiamo chiamato 'Ulivi', 'Stretto', 'Grecanica', 'Locride' ed 'Aspromonte'. Per ognuna di esse, si cerca di valorizzarne specificità e caratteristiche che passano dall’identità dei territori - con le minoranze linguistiche - al patrimonio culturale, mettendo in rete i musei, creando una narrazione utile a chi guarda la nostra terra da lontano, concentrando gli sforzi anche sugli aspetti ludici, sportivi e del tempo libero fino all’esaltazione di un punto determinante qual è il settore dell’agroalimentare e della gastronomia"

"Dunque – ha continuato il sindaco - abbiamo puntato molto sul marketing territoriale. Un esempio arriva dalla campagna “Scialatela” (Divertiti) destinata a trasmettere al visitatore, fin dal suo arrivo negli aeroporti di Reggio e Lamezia, l’immagine più suggestiva dei singoli Comuni del comprensorio. Infatti, siamo spinti dall’idea che “pensare globalmente ed agire localmente” sia la migliore risposta per movimentare la macchina del turismo. Importanti riscontri, poi, li stiamo ottenendo dal Meeting internazionale della Deutscher ReiseVerband (Drv), la Federazione che rappresenta l’industria del viaggio in Germania, che, lo scorso anno, ha scelto proprio Reggio Calabria e la sua area metropolitana per svolgere quello che si registra come uno degli appuntamenti più attesi per il turismo internazionale. E’ vero, c’è ancora tanto da fare, ma la strada che abbiamo scelto ci sembra l’unica per raggiungere il traguardo ambizioso di diventare meta turistica per tutto l’arco dell’anno."

"Dobbiamo continuare - termina il discorso di Falcomatà - investendo al massimo su quelle che sono le nostre potenzialità, che sono tantissime. Tra mare e montagna, natura e monumenti, cibo e benessere, chiunque può produrre un “pacchetto” capace di rispondere alle aspettative dei viaggiatori più esigenti. Noi, reggini e calabresi, però, abbiamo il compito d’essere i primi “tour operator” della nostra terra".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bologna, partita di calcio finisce in rissa: arrestati tre reggini e due catanzaresi

  • Il gelatiere Marcianò e sua maestà il bergamotto vincitori assoluti della MAG Gelato Challenge

  • Niente cure dall'Asp per bimbo autistico, la madre: "Mi vergogno di essere calabrese"

  • Festa al Castello Aragonese, a Palazzo San Giorgio arrivano i carabinieri

  • Incidente sul raccordo autostradale, coinvolte due auto: traffico paralizzato

  • Carcere di Arghillà, sei ispettori per quasi 400 detenuti: la denuncia di Uilpa

Torna su
ReggioToday è in caricamento