Scoperto piccolo bunker con droga, armi e soldi "sporchi": 45enne finisce in manette

Operazione "Fiumi d'oro" dei finanzieri del comando provinciale. Il materiale, rinvenuto e sequestrato, era ben nascosto all'interno di una cassetta elettrica in camera da letto

"Fiumi d’oro" in città. I finanzieri del comando provinciale hanno inflitto un altro duro colpo alle organizzazioni criminali che si occupano di traffico di stupefacenti.

A distanza di qualche giorno da altri quattro sequestri di sostanze stupefacenti e altrettanti arresti in flagranza di reato eseguiti a Reggio e a Villa San Giovanni, dalle fiamme gialle con il supporto infallibile dei cani antidroga, i militari hanno individuato e sequestrato oltre 600 grammi di cocaina, una pistola con la matricola abrasa e relativo munizionamento,13mila euro in contanti che gli investigatori ritengono essere il profitto dello spaccio di sostanze stupefacenti. A finire in manette, D.L., quarantacinquenne reggino, arrestato in flagranza di reato.

Le immagini del ritrovamento

La cassetta elettrica trasformata in un piccolo bunker

Alcune pattuglie durante un servizio di  appostamento e osservazione, eseguito nella frazione Aretina e nei pressi del vicino quartiere Saracinello, hanno individuavano una persona sospettata di spaccio. Grazie all’acume investigativo dei militari, sono scattate le perquisizioni che hanno interessato un terreno e un’abitazione nella disponibilità dell'uomo.

In una stanza da letto del casolare, i finanzieri si sono ritrovati davanti una cassetta elettrica anomala, "all’interno era stato ricavato precedentemente un vero e proprio bunker che custodiva oltre 600 grammi di cocaina, una pistola calibro 6,35 con matricola abrasa e relativo munizionamento, composto da 14 colpi e 3 bilancini di precisione".

I militari hanno così deciso di spostarsi in un altro immobile dell'uomo e dopo un'accurata perquisizione hanno rinvenuto altra cocaina pronta per lo spaccio: 14 dosi già confezionate, altri 2 bilancini di precisione e una cassaforte che una volta aperta conteneva  oltre 13mila euro in contanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine delle operazioni, il 55enne è stato arrestato in flagranza di reato e tradotto in carcere, così come disposto dal pubblico ministero di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria. L'arresto è stato convalidato in sede di rito direttissimo. Durante le operazioni di perquisizione, i finanzieri hanno accertato che l'uomo avesse realizzato anche degli allacci abusivi sia alla rete idrica che a quella elettrica, e per questo motivo è stato denunciato per furto aggravato di acqua e di energia elettrica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Dentro la 'ndrangheta degli "invisibili" i boss "laureati" in contatto con le istituzioni

  • Boom di guariti a Reggio, il Gom è Covid free: dimesso l'ultimo paziente e sesto giorno a 0 contagi

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

Torna su
ReggioToday è in caricamento