rotate-mobile
L'impegno

Fuori classe in movimento: una lettera ai dirigenti per risolvere le criticità segnalate

Numerosi allievi degli istituti Moscato di Gallina, San Sperato-Cardeto e Catanoso-De Gasperi si erano rivolti agli amministratori con una serie di istanze relative a problematiche riguardanti gli edifici scolastici

L’impegno, davanti a centinaia di ragazzi, era stato formale. Suggellato da una firma che voleva mettere nero su bianco come quell’incontro non sarebbe rimasto fine a sé stesso. E così è stato. L’Amministrazione comunale di Reggio Calabria, infatti, nei giorni scorsi, ha protocollato una nota rivolta ai diversi dirigente di Palazzo San Giorgio con la quale si intende dare seguito alle segnalazioni giunte dagli studenti nel corso dell’incontro avvenuto il 29 aprile scorso nell’ambito del progetto “Fuori classe in movimento” promosso da Save The Children Italia.

Numerosi allievi degli istituti comprensivi Moscato di Gallina, San Sperato-Cardeto e Catanoso-De Gasperi si erano rivolti agli amministratori presenti con una serie di istanze relative a problematiche riguardanti gli edifici scolastici, sia in termini di accessibilità sia con riferimento a varie carenze e servizi.  

Nello specifico era stata evidenziata: la mancanza, nel plesso Spirito Santo dell’Istituto comprensivo Catanoso-De Gasperi di un ascensore o di un montascale per disabili per l’accesso al laboratorio di informatica, situato al primo piano; la necessità di cura degli spazi verdi e dei cortili interni alle scuole e la possibilità per i ragazzi di occuparsi anche degli spazi verdi esterni, adottando parti di giardino; la ristrutturazione e riqualificazione delle palestre e degli spazi adibiti allo sport; la sistemazione del manto stradale e messa in sicurezza delle strade adiacenti alle scuole; la carenza di acqua calda; la mancanza di un’infermeria con defibrillatore.

Nel plesso di Condera dell’Istituto comprensivo Catanoso-De Gasperi, inoltre, era stata segnalata la presenza, sull’entrata posteriore, di una barra di parcheggio abusivamente installata dai residenti delle villette limitrofe, che inibisce agli alunni e agli operatori scolastici l’utilizzo di tale entrata, così privando la scuola anche di una seconda uscita di sicurezza.

Tutte queste istanze sono state raccolte dapprima davanti agli studenti stessi con l’impegno di porre rimedio alle mancanze riscontrate; successivamente l’Amministrazione comunale ha compendiato il resoconto in una lettera indirizzata ai diversi dirigenti affinché gli stessi potessero «prendere conoscenza e adottare, ciascuno per gli aspetti di propria competenza, tutte le iniziative utili a soddisfare le esigenze rappresentate dai ragazzi e risolvere le problematiche evidenziate».

Adesso, dopo il tempo necessario ad analizzare compiutamente le diverse richieste, saranno i dirigenti dell’Amministrazione a intraprendere le conseguenti azioni per dare concreta attuazione all’impegno assunto con i giovani cittadini reggini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fuori classe in movimento: una lettera ai dirigenti per risolvere le criticità segnalate

ReggioToday è in caricamento