Gerace, arrestato un uomo e scoperta una piantagione di canapa indiana

Trecento piante rinvenute dai carabinieri, in contrada Badessa, durante un controllo del territorio. Domiciliari per l'uomo che deteneva in casa un fucile, una pistola e munizioni

Ennesima piantagione scoperta nella Locride. I carabinieri di Gerace e i Cacciatori di Vibo Valentia hanno rinvenuto, in un terreno demaniale di contrada Badessa una piantagione di canapa indiana,
composta da circa 300 piante, già con infiorescenza e di altezza compresa tra un metro e mezzo e i due metri.

Gerace armi-2Dopo una perquisizione eseguita in una casa vicina i militari hanno arrestato Davide Lizzi, di 27anni, impiegato, incensurato, perchè è stato trovato in possesso di un fucile, una pistola e varie cartucce di diverso calibro, illegalmente detenute e abilmente occultate nel sottoscala di casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La droga, dopo il campionamento è stata distrutta sul posto, mentre le armi sono state sequestrate. L’uomo, invece è stato posto agli arresti domiciliari e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria locrese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo Italo sui binari di Reggio arriva anche il Frecciarossa: il plauso del presidente Santelli

  • Fiamme gialle rompono una "Catena di Sant'Antonio" truffaldina: scatta sequestro

  • Movida, assembramenti e rischio Covid: il questore chiude un bar del centro per 5 giorni

  • La "scuola mafiosa" di Peppe Crisalli al figlio: "Quando si picchia, si picchia subito"

  • Sigilli della Squadra mobile a bar e aziende riconducibili alle cosche Rosmini e Zindato

  • "Cemetery boss", i nomi degli arrestati: c'è anche il dirigente dei servizi cimiteriali

Torna su
ReggioToday è in caricamento