rotate-mobile
Cronaca

Controlli dei carabinieri nella Locride: cinque denunce nel roccellese

Gli uomini del comando provinciale, agli ordini del colonnello Giuseppe Battaglia, hanno svolto verifiche per la repressione dei furti d'acqua

Nei giorni scorsi i carabinieri di Gioiosa Jonica, nel corso di una serie controlli per la repressione dei furti d’acqua, hanno deferito all'autorità giudiziaria tre gioiosani. 

Sono stati denunciati un venticinquenne, incensurato, perchè ha realizzato, presso il suo domicilio, un bypass artigianale che consentiva di allacciarsi direttamente alla rete idrica eludendo così i controlli. Un trentacinquenne e un quarantasettenne, entrambi già noti alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio, domiciliati nelle case popolari di via Nicola Ursino, per aver installato dei misuratori d’acqua fittizi che non consentivano di registrare il consumo reale dell'acqua. 

Nell’ambito dei controlli per garantire la sicurezza stradale i carabinieri del centro locrideo hanno denunciato due persone per guida in stato di ebbrezza alcolica. Uno dei due, cittadino cinese, alla guida della sua autovettura in evidente stato di ebbrezza si è rifiutato di sottoporsi all’accertamento etilometrico mentre l’altro è stato sorpreso alla guida della sua autovettura con un tasso alcolemico pari a 1,63 gr/l.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli dei carabinieri nella Locride: cinque denunce nel roccellese

ReggioToday è in caricamento