rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
L'annuncio

Attesi venti lunghi anni: sei posti letto per gastroenterologia del Gom

Inaugurati i locali, già occupati da tre pazienti. Parla il primario Filippo Bova

Una lunga attesa, venti anni, per avere i posti letto a gastroenterologia. Tanto ci è voluto al Grande Ospedale metropolitano per attivare sei posti di degenza ai Riuniti.

“E' una storia lunga e complessa – ricorda il primario Filippo Bova – iniziata nel 2000 quando i locali per gastroenterologia erano pronti ma poi sono stati ceduti a psichiatria. Così abbiamo nuovamente atteso e tra alti e bassi siamo andati avanti, lavorando sempre con la massima dedizione per i nostri pazienti ma non nelle giuste condizioni”.

“Nel 2020 erano pronti questi locali, ma poi il Coronavirus ci ha portato la pandemia e poiché questi locali sono nella Torre Covid ecco che hanno bloccato l'apertura per gastroenterologia, lasciandoli per i paziendi positivi. Per mesi siamo stati privati anche delle sale endoscopiche e abbiamo dovuto lavorare nel blocco operatorio con notevoli difficoltà. Adesso finalmente sono stati inaugurati e già abbiamo tre pazienti ricoverati che provengono dall'Obi”.

gastroenterologia reparto gom 02-2

Sei posti sono sufficienti per le necessità della città? 

Sorride Filippo Bova e agginge: “Sono abbastanza. Avere i posti letto ci consente di avere un risparmio di tempo e di risorse, pensando anche al paziente. Ad esempio se dovevamo gestire un paziente, e questo era ricoverato al Morelli, per fare gli accertamenti, dovevamo farlo spostare avanti indietro e non è cosa facile.Così invece possiamo gestire tutta la procedura e dimetterlo subito dopo. Decongestioniamo, così, anche gli altri reparti”.

Il reparto conta cinque medici ed un primario, “in pianta organica – spiega Bova – dovremmo essere otto ed un primario, ma tra pochi mesi un medico andrà in pensione e così invece di cinque saremo quattro. Speriamo che scorrerà la graduatoria e avremo un altro medico in reparto, o che qualcun altro dei medici già al Gom, che ha anche la specializzazione in gastroenterologia, possa essere trasferito da noi”.

gastroenterologia reparto gom 03-2

“Il nostro lavoro è traversale e per questo importante - aggiunge Bova - perchè interventi endoscopici sono necessari in diversi ambiti: pediatria, pronto soccorso, solo per fare qualche esempio. Adesso avere un reparto con locali idonei senza doverci spostare da un'ala all'altra del Gom, portandoci dietro anche le attrrezzature, vuol dire poter lavorare meglio. E' stato, possiamo dire, un miracolo che ha fatto il direttore Costarella. C'è stata la volontà della direzione strategica del Gom. E' stata una fortuna, per noi e per la città, ma anche una visione lungimiarente per la sanità. Siamo l'unica unità operativa complessa di gastroenterologia che opera h 24 e adesso l'obiettvo è lavorare ad un progetto di screening sul cancro al colon rettale e questo lo stiamo portando avanti con i colleghi del territorio”.

gastroenterologia reparto gom 04-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attesi venti lunghi anni: sei posti letto per gastroenterologia del Gom

ReggioToday è in caricamento