Lunedì, 15 Luglio 2024
Csm

Gratteri è il nuovo procuratore di Napoli: le reazioni del mondo politico e non solo

Il magistrato reggino, originario della Locride, ha ottenuto 19 voti, prevalendo sugli altri due candidati proposti dalla commissione per gli incarichi direttivi

Nicola Gratteri, 65 anni, originario della Locride, una delle figure di spicco della lotta contro la 'ndrangheta fin dagli inizi della propria carriera, è il neo procuratore di Napoli.

Nominato dal plenum del Consiglio superiore della magistratura, ha ottenuto 19 voti, prevalendo sugli altri due candidati proposti dalla commissione per gli incarichi direttivi: 5 voti sono andati a Giuseppe Amato, procuratore di Bologna, e 8 a Rosa Volpe, aggiunto a Napoli. Gratteri lascia così la procura di Catanzaro e prende il posto lasciato vacante da Giovanni Melillo, nominato nel 2022 procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo.

Dopo la nomina, gli auguri di buon lavoro e le reazioni del mondo politico e non solo.

"L'impegno di Nicola Gratteri, da molti anni in prima linea contro la ndrangheta, è stato premiato dal Consiglio superiore della magistratura, che l'ha scelto come nuovo procuratore di Napoli. Mi congratulo con il magistrato calabrese e gli rivolgo i migliori auguri di buon lavoro, certo che continuerà a dare un fulgido esempio di coraggio, spirito di servizio e alto senso dello Stato". Così il senatore reggino del Pd Nicola Irto, che aggiunge: "La lotta alle mafie deve essere sempre tra le priorità di tutte le istituzioni pubbliche. Ringrazio il procuratore Gratteri per il suo incessante e delicato lavoro e per la propria meritoria opera di divulgazione e promozione della cultura della legalità".

Per Santo Biondo, segretario generale Uil Calabria: "La nomina del procuratore Nicola Gratteri alla guida dell’ufficio di Napoli ci riempie d’orgoglio e allo stesso tempo ci lascia un po’ di benevolo dispiacere. Questo perché le istituzioni calabresi perdono un uomo e un magistrato che, nel mettere al servizio della legalità e della Calabria gran parte della propria vita, ha subito notevoli restrizioni della stessa".

E ancora: "Tutti quanti noi dobbiamo essere riconoscenti a questo servitore dello Stato, a quest’uomo che, con il suo lavoro, non si è mai arreso alla speranza di liberare spazi utili di democrazia, economica e sociale, in una terra troppo spesso soggiogata dallo strapotere mafioso. A Nicola Gratteri va il sentito e deferente saluto di tutta la Uil Calabria nella convinzione che, anche con il suo nuovo impegno professionale, non smetterà mai di lavorare per la legalità, la sicurezza e la libertà di tutti coloro che hanno bisogno dello Stato al loro fianco, che vogliono vivere in un Paese sempre più democratico e libero da ogni forma di schiavitù mafiosa. E chissà che in futuro non possa continuare a dare il proprio contributo al bene della sua e nostra terra".

"Scegliendo il Csm, per l’ufficio inquirente più grande di Italia, una personalità con così notevole esperienza, si dà più fiducia ai cittadini nella giustizia". Sono le parole di Filippo Mancuso, presidente del Consiglio regionale della Calabria, che aggiunge: "Al dottor Nicola Gratteri, nuovo procuratore capo della Repubblica di Napoli, rivolgo gli auguri di buon lavoro, miei e del Consiglio regionale che mi pregio di rappresentare". 

Auguri arrivano anche da Andrea Agostinelli, presidente dell’Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno meridionale e Ionio: "Mi congratulo con il procuratore Nicola Gratteri che, grazie alla sua competenza, capacità e
autorevolezza, acquisita sul campo, è stato votato a maggioranza dal Consiglio Superiore della
Magistratura per guidare la Procura della Repubblica di Napoli.

Grazie alle sue straordinarie capacità investigative è riuscito a segnare importanti traguardi nell’azione di contrasto alla ‘ndrangheta. Sono certo che continuerà, con lo stesso vigore ed impegno, ad imporre la presenza dello Stato sul territorio, affinché i cittadini possano vedere nelle Istituzioni il fondamento del vivere quotidiano".

"Come fondatore e presidente dell'Ina, desidero esprimere anche personalmente il mio plauso per il servizio instancabile svolto dal dott. Gratteri, a favore della collettività che ha dimostrato un coraggio senza pari nel combattere l'influenza nefasta della mafia. Oltre ad essere un punto di riferimento nella lotta alla criminalità organizzata, è stato insignito del prestigioso premio internazionale Ina alla presenza del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato di Papà Francesco, che riconosce l'impegno e i risultati eccezionali nella promozione della legalità e nella tutela dei diritti civili, umani e religiosi dei cittadini".

Così Lorenzo Festicicini, presidente dell'Ina, che aggiunge: "L'assegnazione di questo premio è un riconoscimento meritato per il suo incessante impegno, il quale ha contribuito a smantellare numerose organizzazioni criminali e a portare giustizia alle vittime di reati. Con profonda gratitudine e ammirazione, l'Istituto nazionale azzurro saluta il dott. Gratteri per il suo lavoro svolto a Catanzaro e gli augura il meglio per il suo nuovo incarico come procuratore di Napoli.

La sua nomina a tale ruolo rappresenta un ulteriore passo avanti nella lotta contro la criminalità organizzata nell'ambito del sistema giudiziario italiano. Siamo certi che la sua vasta esperienza e la sua determinazione saranno di grande valore per la città di Napoli e per tutto il territorio circostante. L'Istituto Nazionale Azzurro continuerà a sostenere con fermezza le istituzioni e i professionisti che si battono per la legalità e la giustizia in Italia.

L'esempio del dott. Gratteri "ci ispira a rafforzare la nostra determinazione nel contrastare il potere delle organizzazioni criminali e nellìaffermare i principi di uno Stato di diritto. In conclusione, rivolgiamo al dott. Gratteri i nostri più sentiti ringraziamenti per il suo straordinario contributo e gli auguriamo un buon lavoro nel suo nuovo incarico. La sua dedizione e il suo impegno sono un faro di speranza per tutti coloro che credono in un'Italia libera dalla criminalità organizzata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gratteri è il nuovo procuratore di Napoli: le reazioni del mondo politico e non solo
ReggioToday è in caricamento